In lacrime per Fabio Venanzoni, una vita dedicata al calcio

Domenica 5 Aprile 2020
Fabio Venanzoni

CUPRAMONTANA - Un ricordo commosso, quello del presidente Terzo Capogrossi e di tutta la A.S.D. Cupramontana “G.Ippoliti”, per quello che della società e del calcio cuprense è stato per decenni la colonna: Fabio Venanzoni, bancario in pensione, storico segretario ma non solo del sodalizio rossoblù, si è spento giovedì scorso, all’età di 73 anni, vittima di un male con cui combatteva da tempo. Una perdita troppo grande per Cupramontana e per il Cupra, che ci tiene così a salutarlo: «Nel clima di smarrimento che tutti stiamo vivendo, la scomparsa del nostro caro Fabio Venanzoni ci ha colpiti e addolorati ancora più profondamente. Segretario storico, Fabio ha rappresentato un punto di riferimento per la nostra Associazione, ma non solo. Animato da una grande passione per il calcio, è stato arbitro, cronista sportivo e dirigente della nostra società, per circa quarant’anni. Uomo di grande competenza ha svolto il suo incarico con impegno e dedizione». 

LEGGI ANCHE: Morto Ezio Vendrame, il George Best del pallone italiano: aveva 72 anni


Ancora il ricordo: «Prodigo di consigli, ci ha sempre sostenuti, rivelando spirito di collaborazione e un forte carisma: un maestro per tutti noi, ma prima ancora un grande amico. Tutti, dal presidente ai dirigenti, la prima squadra e tutto il settore giovanile, ci stringiamo affettuosamente alla moglie Laura e alla figlia Linda». A salutarne la figura, anche il sindaco di Cupramontana Luigi Cerioni: «Con Fabio è venuto a mancare un amico e un grande storico dirigente della G. Ippoliti. Persona gentile, preparata, un giornalista, un dirigente che ha formato generazioni di dirigenti cuprensi. Insieme abbiamo portato avanti tanti progetti, in ultimo la ristrutturazione del campo. Le condoglianze a moglie e figlia a nome mio e di tutta la comunità. Sono giornate tristi dove non riusciamo ad esprimere la vicinanza e testimoniare la stima ma sicuramente, passata la crisi sanitaria, insieme alla società, riusciremo a ricordare Fabio come merita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA