Il Covid si porta via gli eventi: il Comune cancella il concerto e la sfilata

Martedì 28 Dicembre 2021 di Gianluca Fenucci
Il Covid si porta via gli eventi: il Comune cancella il concerto e la sfilata

FALCONARA - Anche il comune di Falconara è costretto a fare dietro front e ad annullare alcune manifestazioni a causa dell’incremento dei contagi da Covid. Tra le altre, non si svolgerà la prevista festa della Befana a Castelferretti, alla luce delle nuove disposizioni legate al decreto legge 221 del 24 dicembre. Il comune è stato costretto ad annullare l’appuntamento tanto atteso, programmato per il pomeriggio del 6 gennaio in piazza della Libertà a Castelferretti, proprio in considerazione delle nuove regole in vigore e del diffondersi dei contagi in tutto il territorio nazionale. 

 

La scelta

Con le stesse motivazioni è stata annullata la sfilata “Il Befanino/La Befanina migliore di Falconara” programmata per il 5 gennaio alle 15 sotto la galleria di via Nino Bixio e già dalla scorsa settimana gli organizzatori avevano deciso di annullare il concerto per il nuovo anno, “W il 2022”, che avrebbe dovuto svolgersi il 4 gennaio alle 18 al Centro Pergoli. «Gli eventi sono stati annullati perché i dati che abbiamo stanno fotografando una realtà di incremento di casi di positività e di persone in isolamento – dice il sindaco Stefania Signorini – ed abbiamo dovuto subito mettere in atto tutte le misure atte a prevenire e ridurre le situazioni di assembramento e pericolo». Il sindaco sottolinea la scelta dell’amministrazione comunale di aprire il nuovo centro vaccinale. «In questa situazione si può ben capire quanto sia stata lungimirante e corretta la scelta di riaprire il centro. I cittadini hanno compreso perfettamente i nostri intendimenti e ci ringraziano. Molti hanno già potuto usufruire di questo servizio che è aperto due giorni alla settimana che dal 16 dicembre ha garantito la vaccinazione a 1.015 persone». Il calendario di apertura del nuovo centro vaccinale di prossimità ospitato nella Pinacoteca francescana di piazza Sant’Antonio prevede altre due aperture in questi giorni, il 29 e il 30 dicembre mentre in gennaio ci si potrà vaccinare il 5 e 7, il 13 e 14, il 20 e 21, il 27 e 28 ed in febbraio il 3 e 4, il 10 e 11, il 17 e 18 e il 24 e 25. 
«E’ un risultato molto significativo perché la sicurezza e la salute dei cittadini sono una priorità – sottolinea il sindaco Signorini – e passano attraverso la vaccinazione. Del resto ci eravamo distinti anche nella primavera e nell’estate scorse, quando avevano sottoposto a vaccinazione 8500 persone. Falconara è stata la città della provincia di Ancona con il maggior numero percentuale di vaccinati: il percorso che è stato intrapreso è complesso dal punto di vista organizzativo ma è quello giusto». 

I volontari

Il punto vaccinale allestito nella Pinacoteca francescana di piazza Sant’Antonio ha fin qui dato risposte soddisfacenti. Ad accogliere i cittadini che desiderano vaccinarsi ci sono i volontari del gruppo comunale della Protezione civile, del Gruppo Amici per lo Sport e dell’Anteas, mentre quelli della Croce Gialla falconarese garantiscono un presidio a servizio dei pazienti. Le vaccinazioni sono effettuate dai medici di famiglia di Falconara con il supporto di diversi infermieri volontari e della Croce Rossa Italiana. «Voglio ringraziare padre Lorenzo Turchi, direttore della biblioteca francescana – conclude la Signorini – per la disponibilità».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA