Parroci in quarantena, i sacerdoti fanno gli straordinari. «Quante messe posso dire?». Il vescovo: «Fino a 14»

Lunedì 1 Febbraio 2021 di Marco Antonini
Monsignor Tonino Lasconi vicario generale della diocesi di Fabriano-Matelica

FABRIANO - Prima domenica con molti parroci in quarantena. Sacerdoti e religiosi non coinvolti dal provvedimento dell’Asur ieri hanno sostituito i confratelli e quasi tutte le parrocchie hanno avuto regolarmente la Messa festiva.

 

«In effetti – spiega il vicario generale della diocesi di Fabriano-Matelica, monsignor Tonino Lasconi - la preoccupazione era fondata, ma i sacerdoti hanno reagito con generosità e tempestività anche simpatiche. Alla veloce indagine via WhatsApp se ci fossero difficoltà e richieste è scattata una gara di proposte: chi ne celebrava ne avrebbe celebrate due, chi due tre… Il vescovo Massara – prosegue Lasconi - è intervenuto simpaticamente per incoraggiare, rispondendo a un sacerdote che chiedeva quante poteva dirne: “Fino a quattordici non hai problemi”». 

Nelle Marche oggi altri 12 morti per il Covid, il più giovane un uomo di 63 anni. Sono 1.978 dall'inizio della pandemia /I numeri del virus

Covid, Ricciardi: «Le restrizioni salvano anche l'economia ma è difficile capirlo. Ecco perché tanti morti in Italia»

Anche i parroci delle frazioni, nonché delle vicarie di Matelica e Sassoferrato, si sono resi disponibili. E non si sono tirati indietro monaci e religiosi. «Forse – dice il vicario generale - c’è stato anche il desiderio di reagire subito a una contro testimonianza e alla strumentalizzazione sempre pronta a scattare, per cui i contagiati erano diventati non si sa quanti e il pasto quotidiano era diventato “un pranzo” per festeggiare chissà cosa». Ad oggi c’è il parroco di una frazione, positivo sintomatico, in isolamento nella sua abitazione e circa una dozzina di sacerdoti, più il vescovo emerito Vererrica, in quarantena, in quanto contatti stretti del sacerdote positivo avendo pranzato insieme presso la Casa del clero di Fabriano. Tutti prossima settimana faranno il tampone.

«Ho fatto una ricognizione, per ora stanno tutti bene» annuncia don Tonino che spiega: «La Casa del Clero è un locale ricavato nel vecchio Seminario per sacerdoti non più autosufficienti e privi di un altro recapito. A questi preti che vivono lì si aggiungono ogni giorno altri che vanno a pranzare insieme ai residenti, perché non hanno altre opportunità e per non lasciare soli i quattro o cinque stabili. Prima di questa istituzione voluta fortemente da don Silvano Lametti, che lì è passato all’altra vita come tanti (don Libero Temperilli, don Nicola Gatti, solo per citarne due) un prete malato e anziano aveva come unica possibilità la casa di riposo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA