Chiaravalle piange Graziano, titolare della storica pescheria. Amava il calcio, è morto con il Covid a 68 anni

Lunedì 25 Gennaio 2021 di Gianluca Fenucci
Graziano Socci

CHIARAVALLE - Il piccolo grande uomo se n’è andato. È morto a 68 anni Graziano Socci, titolare della pescheria storica di Chiaravalle, ereditata dall’indimenticabile padre Dino, che aveva il chiosco in viale Montessori, e che Graziano guidava con perizia grazie all’indispensabile contributo dell’amata moglie Loretta.

LEGGI ANCHE

Vaccino Covid, il viceministro Sileri: «Per gli over 80 slitta di 4 settimane, 8 per il resto della popolazione». Tutto rinviato a marzo

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi: 299 morti e 11.629 casi positivi I DATI

 

Aveva un cuore grande e un po’ acciaccato ma lui non aveva perso la sua generosità. Il Covid lo ha spento definitivamente all’ospedale di Torrette, dove era ricoverato dal 5 gennaio, e dove Graziano combatteva con diverse altre patologie gravi: una pancreatite e poi anche una polmonite. 

Era un grande tifoso del Milan e della Biagio Nazzaro, dove aveva allenato qualche squadra giovanile. Era un talent scout ed aveva segnalato alcuni giovani calciatori di valore. È stato amico e collaboratore di Ermanno Pieroni ai tempi del Messina, del Taranto e del Perugia. Era anche un comunista di quelli che sarebbero piaciuti a Gaber e Jannacci. Oltre a Loretta, lascia i figli Devid e Luca.

Il funerale si celebrerà domani alle 15 nella chiesa di Chiaravalle. 
Negli ultimi tempi il sorriso si era fatto meno radioso. «La tristezza è causata dall’intelligenza – scriveva – più comprendi certe cose e più vorresti non comprenderle».

© RIPRODUZIONE RISERVATA