Vendevano farmaci illegali e contraffatti anche contro il Covid: la Polizia postale oscura 34 siti web

Martedì 8 Giugno 2021
Vendevano farmaci illegali e contraffatti anche contro il Covid: la Polizia postale oscura 34 siti web

ANCONA - Si chiama Pangea XIV, l’operazione internazionale che si è appena conclusa contro il commercio online di farmaci contraffatti o illegali a cui ha partecipato anche la Polizia postale di Ancona. Sono stati oscurati 34 siti web i gestori dei quali sono responsabili del reato di somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica. Questo ha impedito di interrompere la vendita di farmaci non autorizzati in Italia, illegali o addirittura contraffati.

Covid, nelle Marche 33 nuovi positivi in un giorno, un'altra provincia al traguardo dello zero/ Il trend dei contagi

L’operazione, promossa dal Segretariato generale Interpol nell’ambito del “Illicit goods and global health programme”, è stata realizzata con la collaborazione di 194 Paesi partecipanti e mira alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica in merito alla pericolosità dell’acquisto di farmaci venduti attraverso canali non ufficiali con particolare riferimento alle medicine utilizzate per la cura del Covid-19.

La sanità oltre il Covid, l'obiettivo è riattivare le liste d'attesa chirurgiche e procedere con gli screening

In Italia l’operazione è stata coordinata dal Servizio polizia postale e delle comunicazioni e condotta dal Compartimento polizia postale di Palermo con la collaborazione dei Compartimenti di Bologna e Ancona e la partecipazione del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia della Direzione centrale della polizia criminale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA