Dall’artrite reumatoide a farmaco contro il Covid, parte la sperimentazione a Torrette. A giorni i test

Sabato 12 Settembre 2020 di Stefano Rispoli
Dall’artrite reumatoide a farmaco contro il Covid, parte la sperimentazione a Torrette. A giorni i test

ANCONA - Si chiama Tofacitinib e fin qui è stato sempre utilizzato per trattare l’artrite reumatoide, l’artrite psoriasica, la spondilite anchilosante e la colite ulcerosa. Ma tra qualche giorno verrà testato sui malati di Covid-19, nella convinzione che produca una doppia azione di mitigazione della cascata infiammatoria e di riduzione dell’ingresso del virus nelle cellule polmonari.

LEGGI ANCHE: Maceratese 19enne positiva al coronavirus viola la quarantena per fare il test di medicina

 
La nuova sperimentazione ruota attorno allo studio multicentrico coordinato dall’Università Politecnica delle Marche ed elaborato dagli Ospedali Riuniti di Ancona: ha già ricevuto il via libera dal Comitato Etico e dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) e, dunque, è pronto a partire. Il professor Armando Gabrielli, primario della Clinica Medica, e il dottor Giovanni Pomponio sono gli ideatori del progetto che coinvolgerà la Clinica di Malattie Infettive diretta dal professor Andrea Giacometti e la Divisione di Malattie Infettive guidata da Marcello Tavio, con il supporto di Laboratorio, Farmacia e Virologia.
«Ci aspettiamo risultati migliori rispetto al Tocilizumab che abbiamo sperimentato nei mesi scorsi e qualche effetto l’ha dato - spiega il professor Giacometti -. Il Tofacitinib è un farmaco simile, utilizzato per curare principalmente malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide, ma si può assumere in pasticca ed è più potente per la sua capacità di inibire i processi infiammatori e la tempesta citochimica che avviene nell’organismo dopo l’infezione. Verrà somministrato per via orale per due settimane, ma poi i controlli dureranno per un mese». Il protocollo prevede che il farmaco venga somministrato entro le prime 24 ore dal ricovero a nuovi pazienti positivi alle prese con infezioni polmonari.
Nello studio multicentrico, a cui hanno chiesto di aderire gli ospedali di Pescara, Bologna e Roma tra gli altri, verranno sorteggiati circa 200 volontari, metà dei quali saranno sottoposti alla classica terapia anti-Covid, l’altra metà al trattamento con Tofacitinib, in modo da poter confrontare l’andamento della malattia, valutare l’efficacia della sperimentazione e segnalare eventuali effetti indesiderati. Se tutto va bene, si partirà dalla prossima settimana: i primi dati potrebbero essere disponibili già a ottobre.
Intanto, prosegue lo studio sulla terapia al plasma iperimmune. Fin qui sono stati trattati 9 casi nella regione: 6 a Marche Nord e 3 alle Malattie Infettive di Torrette, di cui due in Clinica e uno in Divisione. Sei pazienti sono stati dimessi, due sono ancora ricoverati, uno è deceduto: un’anziana di 93 anni, in cura a Torrette, con problemi cardiovascolari e una grave polmonite da Covid. «È ancora prematuro fare valutazioni, ma intanto non abbiamo registrato effetti indesiderati», spiega Giacometti. E ora si aspetta la disponibilità del Remdesivir, farmaco approvato dall’Unione Europea contro il Covid che, a parità di aggressività, sta generando meno decessi. «È la conseguenza di un maggior controllo anticipato sulla popolazione - sostiene il professor Gabrielli -, le persone fragili sono più attenzionate e vengono meno a contatto con il virus. Poi ci sono altri aspetti su cui lavorano colleghi specialisti per capire se davvero il Covid sia diventato meno aggressivo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 14 Settembre, 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA