Chi fa il bagno, chi beve il vino al porto e anche altre violazioni: raffica di multe dei carabinieri

I controlli dei carabinieri
I controlli dei carabinieri
3 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Aprile 2020, 14:55 - Ultimo aggiornamento: 15:04

SENIGALLIA - Ancora troppe violazioni, regole ancora non rispettate. Nel giorno di Pasqua i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno svolto mirati controlli finalizzati a verificare il rispetto della normativa nazionale legata al contrasto del fenomeno epidemico da Covid-19.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, ragazzo positivo organizza una festa di Pasqua a casa e invita cinque amici



Nella mattinata un giovane 28enne di Senigallia, è stato notato dai militari, sulla spiaggia vicina al ristorante Acquapazza, mentre faceva il bagno in costume. Il giovane alla vista dei Carabinieri è subito uscito dall’acqua, ma non ha potuto giustificare in alcun modo l’attività che stava facendo, avendo violato anche l’ordinanza regionale. E’ stato quindi sanzionato amministrativamente per la violazione commessa.

Poco più tardi i Carabinieri hanno controllato un 38enne, originario del Bangladesh e residente a Senigallia, che beveva vino al porto, in prossimità del faro, sulla banchina di levante. Dai controlli svolti è emerso che l’uomo era già stato sanzionato per le violazioni alle norme nazionali anti Covid-19, pertanto la sanzione amministrativa elevata nei suoi confronti è stata raddoppiata.

Nel pomeriggio, sul lungomare Marconi, i Carabinieri hanno individuato una donna, classe ’70, domiciliata a Senigallia, che prendeva il sole sulla spiaggia, in costume da bagno. Anche nei suoi confronti è stata elevata una sanzione. Più tardi invece i militari hanno notato tre giovani, nei pressi del Bar Paola, di cui uno stava acquistando le sigarette al distributore e altri due erano seduti sul marciapiede del bar. Alla vista degli uomini in uniforme i due giovani che erano seduti hanno cercato di nascondersi, per poi darsi alla fuga a piedi, venendo poco dopo raggiunti e bloccati dai militari. Alla richiesta su quale fosse il motivo della loro presenza in quel luogo hanno risposto di essere usciti per comprare le sigarette, ma solo uno dei tre giovani stava effettuando l’acquisto. Gli altri due ragazzi, rispettivamente di 26 e 30 anni, attualmente domiciliati a Senigallia per motivi di studio, erano usciti di casa senza una valida motivazione e per questo avevano tentato di sottrarsi al controllo dai Carabinieri. Sono stati quindi sanzionati e invitati a rientrare nei luoghi di domicilio.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA