Controlli di polizia con i posti di blocco per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19

Controlli di polizia con i posti di blocco per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19
Controlli di polizia con i posti di blocco per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Aprile 2020, 11:41

ANCONA - Continua l’attività di controllo su strada per garantire il rispetto delle misure varate per il contenimento della diffusione del virus Covid-19, sia sulla viabilità ordinaria extraurbana sia su quella autostradale, su tutto il territorio nazionale.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, trenta casi positivi in un giorno nelle Marche su oltre 1100 tamponi analizzati: il segnale che dà conforto
 
Nel pomeriggio di ieri la Polizia Stradale di Ancona ha svolto un servizio congiunto con le Polizie Municipali di Falconara e di Chiaravalle, nei pressi dell’area del casello autostradale di Ancona Nord, allo svincolo con la Strada Statale 76, con controlli a tappeto sia statici che dinamici, intercettando il traffico in uscita dall’autostrada e quello in circolazione sulla S.S. 76.
 
Sono stati sottoposti a controllo gli autoveicoli mentre i mezzi pesanti, verificata la legittima circolazione per il trasporto di merci necessarie, hanno proseguito la marcia.
 

L’attività svolta, sentito il Questore di Ancona, nell’ambito dei servizi predisposti dal Compartimento Polizia Stradale per le Marche, è stata realizzata da 8 pattuglie, 6 della Sezione di Ancona, una pattuglia ciascuno per le Polizie Locali di Falconara e di Chiaravalle e la presenza dell’Ufficio Mobile della Polizia di Stato, sotto il coordinamento del Dirigente della Sezione, coadiuvato da un funzionario. Per il servizio ci si è avvalsi anche del Reparto Volo della Polizia di Stato che ha sorvolato le aree di interesse.
 
In piena sinergia operativa sono stati svolti numerosissimi controlli, la maggior parte dei quali hanno evidenziato la regolarità della circolazione, trattandosi di automobilisti autorizzati agli spostamenti per motivi di lavoro o di salute. Purtroppo non sono mancate le sanzioni amministrative per la violazione delle norme sulla mobilità, a carico di cittadini in circolazione senza un motivo valido.
 
L’attività di monitoraggio delle situazioni che possono compromettere il contenimento dei rischi di contagio epidemiologico non può dirsi conclusa ed anzi analoghi servizi saranno predisposti anche a ridosso della festività del 1° maggio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA