Eventi, tutto da rifare. Una fiera alternativa? Ecco le ipotesi in cantiere

Domenica 19 Aprile 2020
Un'immagine d'archivio della fiera di San Ciriaco

ANCONA  - L’emergenza Coronavirus stoppa gli eventi programmati dal Comune di Ancona. Annullata la kermesse “Giardino in Fiore” e rinviata l’edizione 2020 di “Tipicità” a data da destinarsi. Non si terrà neppure la gara podistica “Vivicittà”, prevista per questa mattina lungo le vie della città. Ma non tutto è perduto per la Fiera di San Ciriaco. Di sicuro, non si terrà dal primo al 4 maggio.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, altri 28 guariti nelle Marche, calo costante dei ricoverati in terapia intensiva

 
L’ipotesi, che appare di difficile realizzazione, è quella di organizzare una manifestazione fieristica alternativa subito dopo il periodo estivo, ovviamente qualora fosse consentito in base ai provvedimenti di contenimento dell’emergenza epidemiologica in corso. La speranza per i nostalgici dell’appuntamento che apre il mese di maggio viene da una delibera della giunta Mancinelli in cui viene fatto il punto sugli eventi da annullare e posticipare. Nella seduta dello scorso 7 aprile, è stato deliberato dagli assessori e dal sindaco Mancinelli «di dare mandato all’ufficio competente di redigere comunque la graduatoria delle domande di partecipazione alla Fiera di San Ciriaco 2020, riservandosi la facoltà di tenere conto di detta graduatoria per una eventuale manifestazione fieristica alternativa alla Fiera di San Ciriaco che si potrebbe svolgere dopo il periodo estivo, qualora fosse consentito in relazione ai provvedimenti di contenimento dell’emergenza epidemiologica».

Dunque, un’esposizione di bancarelle ambulanti che possa sostituire la classica fiera indetta in occasione della festa patronale. Quando? Subito dopo l’estate, magari in concomitanza della Festa del Mare. Ma ovviamente sono solo mere ipotesi che cozzano contro una realtà che non consentirà assembramenti di persone così consistenti per un periodo sicuramente non breve. Intanto, questo weekend dovevano tenersi due manifestazioni: “Giardino in Fiore” e “Vivicittà”. Sono entrambe saltate. La prima, gestita dalla società Blu Nautilus srl di Rimini, avrebbe dovuto arricchire, come ogni anno, il centro di fiori e piante per portare tra i cittadini l’esplosione della primavera. La seconda è la kermesse della gara podistica organizzata dalla Uisp che solitamente prende il via dal Passetto e che convoglia migliaia di appassionati per le strade della città.

Questa mattina si sarebbe dovuta tenere la 37esima edizione. Non si correrà per le vie della città, ma da casa. L’invito degli organizzatori rivolto agli atleti, ai gruppi di podisti e alle associazioni sportive è quello di inviare all’indirizzo mail ancona@uisp.it una foto o un breve video per essere comunque presenti (anche se virtualmente) alla competizione. Il messaggio è: #restoacasamapartecipoecorro. È stato invece per ora solo rinviato l’appuntamento con “Tipicità in Blu” previsto dal 21 al 24 maggio. Un capitolo a parte è rappresentato dagli eventi estivi: è un’incognita ancora tutta da organizzare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA