L'iniziativa del parroco: l’acqua benedetta arriva nella cassetta della posta

Martedì 21 Aprile 2020
Don Stefano Conigli

BARBARA -  Sono passate la Quaresima, la Pasqua e la successiva domenica in Albis, ricorrenze importanti per i cristiani, vissute però quest’anno in modo atipico per l’obbligo di restare a casa a tutela della salute propria e degli altri. I parroci si sono adattati con facebook, whathsapp e dirette streaming ma la visita alle famiglie con la rituale benedizione nelle singole abitazioni è, per forza di cose, saltata (sin dal 7 marzo, del resto, la diocesi di Senigallia ne aveva disposto la sospensione).

LEGGI ANCHE:


Zero contagi nelle Marche il 27 giugno, Ceriscioli non ci sta: «Un mese prima, a fine maggio»/ Le tre zone della Regione
 

Ma don Stefano Conigli, parroco di Barbara, non s’è perso d’animo: passata la Pasqua si è messo al lavoro provvedendo a far preparare per tutti i nuclei familiari del paese - Barbara ha 1.400 abitanti, distribuiti in circa cinquecento famiglie - piccoli contenitori di acqua santa, bottigliette a loro volta imbustate in cinquecento confezioni destinate a ogni casa. E’ così che le famiglie del paese, che non avevano potuto materialmente accogliere il parroco a casa propria nei giorni precedenti la Pasqua né ricevere quella benedizione si son ritrovati le fatidiche bottigliette nella cassetta della posta. Così come s’erano trovati giorni addietro - sempre nella cassetta della posta e col sostegno del Comune - anche un ramoscello d’ulivo che era stato simbolicamente unito alle preziose mascherine fatte avere ai barbaresi. Tra le tante iniziative animate via web, il sindaco Riccardo Pasqualini ha contribuito sempre in sintonia col parroco e con un gruppo spontaneo di cittadini, a stimolare la recita - trasmessa in streaming - di un rosario settimanale (ogni giovedì, alle 21).

© RIPRODUZIONE RISERVATA