«Se non mi dai i soldi ti ammazzo» e pretende dieci volte il debito per l'hashish: pusher arrestato

Venerdì 24 Dicembre 2021 di Gianluca Fenucci
«Se non mi dai i soldi ti ammazzo» e pretende dieci volte il debito per l'hashish: pusher arrestato

COLLEMARINO - Un trentasettenne è finito in manette per estorsione e spaccio di droga. I carabinieri della stazione di Ancona Collemarino, coadiuvati dalla sezione operativa della compagnia carabinieri di Ancona, la notte tra mercoledì e giovedì hanno eseguito un arresto in flagranza per il reato di estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato è un italiano di 37 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine per vari reati, soprattutto legati allo spaccio di stupefacenti.

 

L’uomo è stato intercettato e fermato mentre riscuoteva una somma in denaro di oltre 1000 euro, a fronte di un debito di droga maturato per circa 150 euro. 

La vicenda 

La vittima, un ventenne italiano residente a Collemarino, si era rivolto al pusher circa tre mesi prima per acquistare un quantitativo di hashish per consumo personale. Col trascorrere del tempo e con grande forza di volontà, il ventenne era riuscito pian piano a venir fuori dal tunnel della droga; aveva cercato anche di cambiare frequentazioni ed amicizie, provando in ogni modo anche a tenere lontano il pusher, che però ha iniziato a minacciare pesantemente il giovane pretendendo da lui molto denaro. «Farai una brutta fine», «Ti ammazzo», «Se non mi dai i soldi perderai la vita», erano le pesanti minacce dello spacciatore che stava cercando in ogni modo di convincere il giovane a restituire la somma che gli doveva per la droga. Il pusher non si accontentava solo dei 150 euro che, secondo lui, doveva riscuotere, ma pretendeva dal ventenne dieci volte di più della cifra pattuita. 
La vittima a quel punto, non sapendo più cosa fare e temendo una vendetta dello spacciatore, ha deciso di rivolgersi ai carabinieri della stazione di Ancona Collemarino. Non è stato facile per lui aprirsi e raccontare ai militari tutta la vicenda ma il giovane ha capito che continuare in quel modo gli avrebbe causato solo gravi conseguenze e problemi con la giustizia. Sono bastati pochi servizi dei carabinieri di Collemarino per individuare l’estorsore e coglierlo nel momento in cui pensava di aver ottenuto il suo illecito guadagno. Ma l’episodio non si è chiuso qui. Infatti, i militari hanno deciso di procedere ad un’accurata perquisizione domiciliare in casa del pusher: nel corso del sopralluogo hanno rinvenuto, sul tavolo della cucina, ben 800 grammi di hashish pronti per essere ceduti.
L’arrestato in nottata è stato poi condotto presso la casa circondariale di Montacuto a disposizione del Gip. L’uomo dovrà rispondere di estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti, accuse gravissime per le quali, all’esito della convalida, potrebbe anche essere colpito da ulteriori misure restrittive.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA