Vandali scatenati, blitz e danni vicino alla chiesa. E i residenti lamentano schiamazzi e sporcizia

Giovedì 23 Luglio 2020
Vandali scatenati, blitz e danni vicino alla chiesa. E i residenti lamentano schiamazzi e sporcizia

CHIARAVALLE  - Sedie e poltroncine divelte, scaraventate a terra e distrutte, appese alla rete di recinzione del campo da calcetto dietro la chiesa di Santa Maria in Castagnola e ancora caos e sporcizia in vari punti della città, schiamazzi notturni, bestemmie e parolacce gridate in piena notte. In città non tutto fila liscio e ieri mattina nel parcheggio vicino alla chiesa, adibito attualmente ad ospitare una rassegna di cinema, di musica e di letture, di recital e altre iniziative culturali, lo spettacolo che si è presentato agli occhi dei passanti era tutt’altro che edificante: le sedie che servono per accogliere il pubblico erano state scaraventate in ogni dove ed alcune rovinate e distrutte. 

LEGGI ANCHE:

La ministra Azzolina rassicura: «Col Recovery fund nuovi istituti e addio classi pollaio. E il 14 settembre tutti a scuola»

I cittadini criticano le bande di ragazzi che di notte generano il caos, esortando i genitori ad essere vigili e a responsabilizzare i figli. «Purtroppo ci sono tanti giovani incivili che non si rendono conto di ciò che fanno: per loro questi atti vandalici rappresentano un divertimento e non un danno alla cosa pubblica e alla società. Non sono educati e la responsabilità principale è dei genitori, di famiglie fatiscenti». I commenti sui social si fanno roventi e i cittadini di Chiaravalle evidenziano altri episodi e comportamenti scorretti e che minacciano la libertà altrui.
«Ieri sera solita solfa anche al parco Allende poco prima di mezzanotte – sottolineano alcuni cittadini – mentre urla e schiamazzi si sentivano anche nella zona di viale Vittoria». «Andate a vedere che succede dietro alla ferrovia – sostiene una mamma – dove ci sono ragazzi di 12 o 13 anni che fumano e consumano alcolici e c’è di tutto: mi chiedo dove siano i genitori». 

Un’altra signora afferma che sono state lanciate due buste di plastica piene di rifiuti sul tetto dell’edicola chiusa da anni e transennata in viale Montessori in pieno centro storico. «Siamo arrivati ad una situazione insostenibile ma in alcuni spazi della città ci sono le telecamere e quindi bisogna denunciare certi episodi perché almeno le forze dell’ordine possono intervenire e prendere provvedimenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA