Giornalista molestata, applauso di trenta donne alla cena per Serrani: «Non trattatelo come un mostro»

Giornalista molestata, applauso di trenta donne alla cena per Serrani: «Non trattatelo come un mostro»
Giornalista molestata, applauso di trenta donne alla cena per Serrani: «Non trattatelo come un mostro»
di Gianluca Fenucci
4 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 09:35 - Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 09:55

CHIARAVALLE - Alla 20,40 Andrea Serrani entra a Il Ranocchiaro, il suo ristorante di viale Rinascita, e gli applausi delle 30 donne convenute ieri sera per manifestargli solidarietà e vicinanza scattano convinti e copiosi. Lui non ha alcuna voglia di parlare e si “rifugia” dietro al bancone o in cucina. Si respira un’atmosfera serena nel locale: nessuna festa debordante, sorrisi contenuti. Le donne convenute per la cena di solidarietà a favore di Andrea Serrani, denunciato per aver palpeggiato in diretta tv la giornalista Greta Beccaglia, sono meno del previsto, ma sono determinate a portare avanti quella che ritengono sia una “missione”. 

«Vado in discoteca per cercare di prendere il Covid»: la confidenza choc della professoressa no vax. Gli alunni lo dicono ai genitori e scoppia il caso

Il sostegno 

«Abbiamo tutte rimproverato Andrea per il suo gesto sbagliato – dicono all’unisono – e siamo solidali con la giornalista di Toscana Tv, ma quello che Serrani, che conosciamo benissimo, sta subendo è profondamente ingiusto. Del resto, lui per primo ha cercato la giornalista per porgerle le scuse che non sono di comodo ma sono sincere e sentite perché si è subito reso conto di avere esagerato e di aver compiuto un atto grave. Ma da qui a definirlo un “mostro”, un “pedofilo”, un “violentatore” ce ne corre: lo conosciamo bene e sappiamo quanto sia generoso e solidale con le donne, quanto sia attento alla famiglia e alla figlia, quanto sia sempre disponibile verso gli amici e verso i conoscenti». 

Le disdette 

Si attendevano circa 70 donne ma ne sono arrivate di meno. «Alcune hanno disdetto all’ultimo momento – dicono le organizzatrici – probabilmente perché hanno avuto timore di ripercussioni negative visto il gran polverone mediatico che ha sollevato questa cena che, ribadiamo, è all’insegna della solidarietà per l’uomo e per la sua occupazione, per il suo ristorante: al Ranocchiaro lavorano diverse persone che hanno famiglia e si sacrificano molto per portare a casa uno stipendio e non meritano tutto ciò che stanno passando. C’è diversa gente cattiva che ha augurato ad Andrea Serrani la morte. I social traboccano odio verso di lui, la sua compagna, i familiari, la figlia, la nipote. Ci sono tanti “haters” che scrivono recensioni al veleno contro Il Ranocchiaro. E allora diciamo a chiare lettere che Andrea non deve essere un capro espiatorio». La compagna Natascia Bigelli, che si sta occupando dell’organizzazione del locale, si dice preoccupata. «Andrea è dilaniato, distrutto – afferma – non merita tutto questo accanimento e la cattiveria di chi vuole affossare anche il suo lavoro». Al centro della discussione delle donne c’è spesso la vicenda di Serrani. Tra antipasti e pizze traspare la volontà di stare accanto al ristoratore e alla sua famiglia. Molte vengono da Chiaravalle e dai paesi limitrofi ma ci sono anche donne che abitano a Marotta e in centri lontani. In tutte prevale la solidarietà e la comprensione. Ci sono medici, professioniste, negozianti, titolari di bar e locali, persone di ogni età e ceto sociale. Tutte hanno una convinzione incrollabile. «Andrea Serrani ha sbagliato ma non può pagare un prezzo troppo alto perché non è un molestatore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA