Chiaravalle, l’annuncio di Ubi
«Presto un bancomat evoluto»

Arriva l’annuncio di Ubi
«Entro metà agosto
un bancomat evoluto»
CHIARAVALLE «UBI è cresciuta nelle Marche dando sicurezza al risparmio, affidabilità ai clienti e risorse finanziarie alle imprese. Tra le numerose inizative, UBI sta realizzando importanti progetti di innovazione tecnologica, penso ad esempio alla firma elettronica per le operazioni allo sportello o all’introduzione dei nuovi bancomat evoluti. L’esperienza maturata in altre zone del Paese dove abbiamo posizioni altrettanto consolidate, ci dimostra che i clienti inizialmente titubanti, in breve si adeguano e sono in grado di cogliere in pieno i vantaggi della tecnologia». Ad affermarlo Andrea Prandini, responsabile della direzione territoriale di Ancona di UBI Banca a proposito dei disagi segnalati dai cittadini di Chiaravalle. 

«Andare in filiale e fare la fila allo sportello per un pagamento, che sia una bolletta o un F24, è ormai comodo solo in apparenza: molte operazioni si possono fare benissimo utilizzando canali alternativi, molto più immediati come per esempio lo smartphone o l’home banking. Capisco le persone più anziane – continua Prandini – che fanno fatica ad adattarsi alla tecnologia e magari vanno in filiale anche due volte al giorno per le esigenze più disparate, ma a volte anche chi ha dimestichezza con i nuovi mezzi in numerosi altri ambiti, non li utilizza per le operazioni bancarie più comuni». Riprende. «In ogni caso a Chiaravalle verrà installato entro metà agosto un nuovo bancomat evoluto, con la possibilità di fare anche i versamenti, oltre ai prelievi, che affiancherà quello già esistente. Inoltre abbiamo già avviato una riorganizzazione del lavoro all’interno della filiale per velocizzare le operazioni e offrire un servizio più efficiente». 
«Un’iniziativa - rimarca il responsabile della direzione territoriale di Ancona - da cui ci attendiamo molto è l’introduzione, avvenuta da poco a Chiaravalle, dell’assistente digitale, un professionista dotato di tablet che accoglie i clienti all’ingresso della filiale e li indirizza allo sportello o all’ufficio appropriato al servizio richiesto, ma soprattutto li affianca nell’utilizzo di home banking e bancomat evoluti in maniera da renderli autonomi nella realizzazione delle operazioni più semplici. In sostanza un insegnante digitale dedicato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 14 Luglio 2018, 12:08 - Ultimo aggiornamento: 14-07-2018 12:08

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO