Castelplanio piange Novelli, il messo comunale. Settimio aveva 56 anni ed era ricoverato all’ospedale per un infarto

Venerdì 22 Gennaio 2021
Castelplanio piange Novelli, il messo comunale. Settimio aveva 56 anni ed era ricoverato all’ospedale per un infarto

CASTELPLANIO Il paese è in lutto per la scomparsa di Settimio Novelli, 56 anni, storico messo comunale di Castelplanio. Si è spento mercoledì pomeriggio all’ospedale di Torrette dove era ricoverato, da domenica, per un infarto che lo aveva colpito nella sua abitazione. Nonostante fosse una persona infaticabile, sempre disponibile e appassionata del suo lavoro, soffriva di gravi problemi di salute.

 

 

Faceva la dialisi da quando aveva 12 anni, una vita di difficoltà e di dolore la sua. Aveva subìto tre trapianti di rene, sottoponendosi a delicatissimi interventi in Francia, a Lione. Due rigettati, il terzo che sembrava essere andato bene. Poi, dopo dieci anni, di nuovo il rigetto. E il ritorno alla dialisi, che ha indebolito il fisico e il cuore, andato in sofferenza da tanti anni. Settimio è stato soccorso dal 118 e trasportato a Torrette d’urgenza. Era in coma irreversibile, poi mercoledì s’è arreso, lasciando un intero paese orfano della sua dolcezza e disponibilità. Lavorava in Comune dal 1986 come tirocinante volontario, nel 1991 è entrato come categoria protetta. Era messo notificatore e amministrativo, seguiva le pratiche cimiteriali ed era il punto di riferimento di tutti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA