«Mamma, hanno tentato di rapirmi». I carabinieri scoprono cosa c'era dietro il racconto choc di una ragazzina

Domenica 30 Maggio 2021
Ragazzina davanti ai carabinieri ammette il suo falso rapimento

CASTELFIDARDO  - Ha confidato ai genitori di essere stata avvicinata da due estranei mentre stava tornando a casa da scuola e di aver subito un tentato rapimento, sventato grazie a una coppia che si sarebbe fermata a prestarle soccorso. Ma quel racconto, condiviso in anonimato su una community di mamme della provincia di Ancona e diventato virale sui social, si è rivelato privo di fondamento.

LEGGI ANCHE:

Affittano un camper e ingaggiano un autista per portare stranieri in Italia: arrestati due pakistani

 

 

Davanti ai carabinieri di Castelfidardo che avevano raccolto la denuncia dei genitori e subito cercato una rispondenza visionando le telecamere di sorveglianza installate nella zona, la ragazzina ha ammesso di essersi inventata tutto. Una confessione che mette un punto a una vicenda che ha procurato allarme in città, dopo la pubblicazione su Facebook della mail inviata dalla stessa mamma della adolescente con lo scopo di mettere in guardia gli altri genitori. 


«Martedì mentre mia figlia tornava da scuola, due tizi in auto le hanno chiesto se voleva un passaggio, che lei ha rifiutato. Le si sono messi davanti con la macchina e sono scesi, l’hanno presa di forza e la stavano per caricare in auto - aveva scritto la donna chiedendo all’amministratrice del gruppo privato, che conta oltre 17mila iscritti, di divulgarla -. Penso sia doveroso far presente alle famiglie di far fare gruppo ai ragazzi, di non isolarsi, visto che in giro ci sono persone così senza scrupoli»

© RIPRODUZIONE RISERVATA