Castelfidardo al secondo turno: Turchetti (centrodestra) e Ascani (Cinquestelle) divisi da 141 preferenze

Martedì 5 Ottobre 2021 di Arianna Carini
Turchetti-Ascani, i due candidati sindaco al ballottaggio a Castelfidardo

CASTELFIDARDO - Sarà il ballottaggio ad incoronare il 24° sindaco di Castelfidardo. Come prevedibile, nessuno dei quattro candidati ha superato la soglia del 50% che avrebbe determinato già al primo turno il nome del primo cittadino e la composizione del nuovo consiglio comunale alla guida della città della fisarmonica per la prossima legislatura.

Centrodestra, finita la luna di miele. L’arretramento nelle grandi città consegna al governo delle Marche l’urgenza di un cambio di passo

 

Lo spoglio, andato a rilento anche per la presenza di diverse schede su cui si è dibattuto per la corretta attribuzione dei voti ai seggi, ha tenuto con il fiato sospeso i quattro sfidanti fino al tardo pomeriggio di ieri. Come cinque anni fa, il primo risultato ufficiale a comparire sul maxi-schermo allestito all’ingresso del palazzo municipale è stato, alle 17.30, quello della sezione numero 11 (Cerretano). Il display indicava Gabriella Turchetti in testa con 185 preferenze, il sindaco uscente Roberto Ascani con 116, a ruota Tommaso Moreschi con 110 e Marco Tiranti con 89. Se man mano che procedevano le operazioni di spoglio la candidata del centrodestra ha confermato il vantaggio anche in diverse altre sezioni, trainata in particolare dalle preferenze espresse per Fratelli d’Italia (12,24%), seguite dalla civica Fare Bene (9,76%) e in coda dalla Lega Salvini (7,27%), fino alla fine si è invece assistito ad un serrato testa a testa fra il pentastellato Ascani e Tiranti per la coalizione di centrosinistra, che alla fine è rimasta al palo. Il confronto si è concluso alle 21 in favore del sindaco uscente che ha incassato il 17,67% dei voti con il Movimento 5 Stelle e il 7,72% con la civica collegata Castelfidardo Futura.


Tutto da decidere
La partita è tutt’altro che decisa, visto che la Turchetti al primo turno ha segnato un vantaggio di appena 141 voti. Tra due settimane il ballottaggio deciderà se sarà confermata la continuità della poltrona oppure segnare un cambiamento epocale per Castelfidardo, con una svolta a favore del centrodestra. Le due settimane a venire saranno decisive, anche se per ora i due sfidanti sembrano rifiutare apparentamenti. Si torna dunque alle urne domenica 17 dalle 7 alle 23 e lunedì 18 ottobre dalle 7 alle 15. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 07:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA