Le aziende nel mirino dei ladri scatenati a Castelfidardo: rubato un camion e 100mila euro di rame

Le aziende nel mirino dei ladri scatenati: rubato un camion e 100mila euro di rame
Le aziende nel mirino dei ladri scatenati: rubato un camion e 100mila euro di rame
di Giacomo Quattrini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Settembre 2022, 05:05 - Ultimo aggiornamento: 15:18

CASTELFIDARDO - Continua la scia di furti nella zona industriale di Castelfidardo. La notte scorsa un banda di almeno quattro persone ha fatto irruzione in più ditte di Cerretano rubando in una un grosso camion e in un’altra un ingente quantitativo di rame, per un valore di oltre 100mila euro.

Salti con selfie sulle auto della polizia ad Osimo: arriva il Daspo per 4 vandali ventenni


Il blitz 
Stando alle immagini della videosorveglianza privata, la banda ha fatto irruzione alla Caltron Srl di via La Torre verso l’una di notte. Ha forzato il cancello lungo la strada, in modo da entrare con un grosso camion poi, passando dall’ingresso dei dipendenti, è riuscita ad arrivare al magazzino, prelevando 12 bancali di rame. La Caltron fa lavorazioni per componenti di elettronica, dunque è una materia prima fondamentale. «Per qualche giorno - spiegano dalla ditta - il furto costringerà a rallentare la produzione, ma avendo già subito anni fa un colpo simile abbiamo pronta una procedura che ci permette di non fermarla del tutto». Il colpo? «Non è stato ancora quantificato, ma è ingente» riferiscono da via La Torre. 


Prima di arrivare qui, i ladri avevano colpito alla Vesta Srl di via Jesina, poco distante. In realtà non hanno preso di mira la ditta di designer ma il cantiere avviato per la costruzione del nuovo capannone. «Hanno forzato il casottino in metallo dove c’erano gli attrezzi e rubato un grosso camion che è della ditta edile che sta lavorando per noi» ha spiegato il titolare della Vesta, Gabriele Sabatini. E proprio con quel camion i ladri hanno poi rubato il rame alla Caltron. In altre due ditte hanno forzato ingressi e mezzi ma senza rubare nulla, come alla Cooperativa Albanesi accanto alla Vesta, o alla Officine Taddei poco più in là.

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Marco Cingolani, nei giorni scorsi, ha scritto al sindaco Ascani chiedendo di convocare una riunione col prefetto dopo i furti estivi: sei ditte colpite in un mese e mezzo. Ieri è tornato a insistere: «Il Comune deve sollecitare la Prefettura a rinforzare le forze dell’ordine in zona. Potrei presentare una interrogazione consiliare ma verrebbe discussa troppo in là. Serve reagire subito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA