In lacrime per Santini, una vita per il calcio: il dolore della comunità

Martedì 17 Novembre 2020
In lacrime per Santini, una vita per il calcio: il dolore della comunità

CASTELFIDARDO  - Castelfidardo piange Ivo Santini, 77 anni, conosciuto come “Buana”. La sua scomparsa ha lasciato nel dolore la comunità, la moglie Roxana, i figli Niccolò e Nicoletta, le sorelle Ivana e Maria. Ivo, nato e vissuto a due passi dal vecchio campo sportivo fidardense, era molto noto per i suoi trascorsi importanti nel mondo del calcio marchigiano.

 

 

Cresciuto nelle giovanili biancoverdi (Castelbologna) ha giocato nel Castelfidardo stesso, nel Numana, nella Biagio Nazzaro Chiaravalle e nel Collemar (dove conobbe la prima moglie, Morena, figlia del presidente Lanari). Emigrato in Germania a metà degli anni Sessanta, giocò anche nella serie D tedesca nelle fila del Mtw Ghiforn. Con il cugino Ermanno e il fratello Giuseppe era la spina dorsale della squadra. Marcatore atletico, duro ed arcigno, è ricordato come un lottatore. Ivo fu per anni dipendente del Cantiere Navale di Ancona ed in seguito imprenditore. Era una persona ricca di umanità, di animo un po’ bohémien (ereditato dal nonno paterno detto “Cucchiarò”, che suonava la fisarmonica ad orecchio con un cucchiaio). «Perdo un fratello - è il dolore del cugino Ermanno (già segretario della Fita Cna, consigliere comunale e provinciale per 25 anni). Con Ivo ho condiviso gran parte della mia vita. Era una persona splendida, umile e generosa». «Aveva un grande cuore fuori e dentro il campo», il pensiero di Giuliano Santinelli, recordman di presenze nella Biagio Nazzaro Chiaravalle, ex compagno di squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA