Bagarre a Senigallia, carabinieri insultati e spintonati dai bulli. Nel caos ferito anche un 14enne

Bagarre a Senigallia, carabinieri insultati e spintonati dai bulli. Nel caos ferito anche un 14enne
Bagarre a Senigallia, carabinieri insultati e spintonati dai bulli. Nel caos ferito anche un 14enne
di Sabrina Marinelli
4 Minuti di Lettura
Martedì 6 Settembre 2022, 06:40

SENIGALLIA - Un 14enne è rimasto ferito nel parapiglia di sabato sera. Cadendo dalle scale è svenuto ed è stato condotto da un’ambulanza in ospedale. Finito a terra anche un carabiniere che si è subito rialzato. Sulla vicenda ci sono indagini ma intanto la bagarre, iniziata nella piazzetta del residence Milano, sul lungomare Alighieri, è proseguita su Instagram per tutta la giornata di domenica.

 
La tensione


Sabato sera i carabinieri erano già lì per effettuare dei controlli ai locali e accertare che non venissero somministrati alcolici a minori. C’è stata poi una lite tra due ragazzine, risolta subito grazie all’immediato intervento della pattuglia che era appunto già lì. La presenza delle forze dell’ordine però non è stata accolta bene da molti giovanissimi che hanno iniziato ad intonare coretti per insultarli. Di supporto è arrivata anche la polizia con una Volante, quando la situazione è degenerata. Mentre un militare stava cercando, insieme al collega, di fermare un ragazzo, per identificarlo, è stato spinto da qualcuno, come ha visto un testimone. 
Il carabiniere, cadendo all’indietro dopo la spinta ricevuta da qualche giovane, è finito addosso ad un 14enne dell’hinterland senigalliese, stando a quanto riferiscono i suoi amici. Questo, finendo a terra, ha perso i sensi. Sembra abbia sbattuto la testa su un gradino. Gli amici l’hanno sollevato e allontanato in attesa dei soccorsi. E’ stato necessario chiamare un’ambulanza che l’ha trasferito in ospedale, dove si è ripreso ma è stato tenuto in osservazione. La situazione nella piazzetta si è fatta ancora più tesa dopo questo incidente perché, tra centinaia di ragazzi, solo in pochi avevano visto come le cose fossero realmente andate, mentre altri hanno iniziato ad accusare il rappresentante dell’Arma di aver ferito il ragazzo. 


L’incidente


«Era dietro al carabiniere – racconta un giovane in una storia Instagram – una persona che non so chi è ha spinto il carabiniere, dietro c’era lui che è caduto dalle scale». Non è il solo a riprendere le parti dei militari intervenuti. «Lo dico una volta e basta – prosegue un altro in una storia – il carabiniere che dite ha picchiato i ragazzini è stato insultato tutta la sera. Immaginate se eravate al posto suo quindi svegliatevi che quando vi rubano le cose correte da loro». Storie arrivate in risposta ad altre di ben altro tono. «Quello che è successo ieri non me lo dimenticherò mai – ha scritto un giovane rapper – ho visto un mio fratellino rischiare la vita. Me la pagherete e lo farò con la musica». Il testo della storia è molto più lungo ma il contenuto è altamente offensivo nei confronti di un militare, che viene citato anche per nome. Quando il rapper si riferisce al ferito come fratellino intende, dicono gli amici, che faccia parte del suo gruppo. «Molti dicono che i carabinieri hanno fatto bene – aggiunge – e poi il ferito era il mio fratellino che adesso si trova in ospedale. Dovete mandarci video così abbiamo prove per fare denuncia. Vi prego aiutateci». In realtà, come poi hanno detto altri minorenni presenti, il carabiniere è stato spinto ed è caduto addosso al 14enne che è, a sua volta, caduto facendosi male. Il rapper ha poi proseguito con ulteriori appelli per cercare video da trasmettere ai genitori del ferito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA