Arrestato giovane spacciatore in trasferta
trovato con hashish e marijuana

Martedì 13 Agosto 2019
SENIGALLIA - In vista dell’ormai prossima festività di  Ferragosto, il personale del Commissariato di Polizia di Senigallia è stato impegnato in molteplici attività dirette, tra l’altro, al contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti, specie rivolto a giovani.

Gli agenti hanno, dunque, effettuato una serie di controlli ed accertamenti in diverse zone della città frequentate dai giovani e, giungendo in zona via U. Giordano, nei pressi di un noto esercizio commerciale molto frequentato dai ragazzi,  notavano alcuni giovani vicino ad un veicolo e decidevano di effettuare un controllo.

Nel momento in cui i poliziotti si avvicinavano, verificavano che l’auto si allontanava e rimanevano alcuni giovani uno dei quali intento a parlare con i ragazzi lì presenti che, alla vista dell’auto della Polizia, si dileguavano.

 Gli agenti, dunque, immediatamente fermavano il giovane rimasto sul posto che risultava essere proveniente dalla provincia di Modena, B.G. di anni 24, con diversi precedenti in materia di stupefacenti. La persona, inizialmente tentava di far credere di trovarsi lì di passaggio poiché in vacanza a Senigallia, ma i poliziotti, notando il comportamento del soggetto, ritenevano opportuno approfondire la situazione. Ed infatti sulla base degli accertamenti compiuti, l’uomo veniva torvato in possesso di un importante quantitativo di sostanze stupefacenti che, di seguito all’accertamento, risultavano essere marijuana ed hashish.

In particolare egli risultava detenere complessivamente oltre 50 grammi delle citate sostanze, già suddivise in diversi involucri e pronti per essere ceduti ai consumatori.

L’uomo, dunque, veniva condotto in Commissariato, dichiarato in stato di arresto e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria che, in attesa del giudizio di convalida, disponeva che il soggetto fosse sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.
Nella giornata odierna si teneva l’udienza di convalida avanti al Giudice del Tribunale di Ancona che convalidava l’arresto eseguito ed applicava la misura cautelare del divieto di dimora dalla provincia di Ancona
  © RIPRODUZIONE RISERVATA