Muore di Covid a 59 anni dopo 8 giorni di ricovero: era donatore Avis, lascia la moglie e due figli

Giovedì 1 Aprile 2021
Sandro Aguzzi aveva 59 anni

ARCEVIA  - Stroncato dal Covid dopo otto giorni di ricovero Sandro Aguzzi. Aveva 59 anni. Lascia la moglie e due figli e un grande vuoto nella comunità di Arcevia, dove era conosciuto e molto attivo.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, un uomo muore in casa: 19 decessi in un giorno nelle Marche. Tra loro un 59enne/ I numeri del contagio

 

Sandro Aguzzi è morto ieri in uno dei reparti Covid dell’ospedale di Pesaro, dove era stato ricoverato la settimana precedente. Proveniva da una famiglia di autotrasportatori e aveva scelto anche lui di fare il camionista, portando avanti la tradizione. L’unico della sua generazione ad averlo fatto perché il fratello ha scelto la professione di assicuratore e la sorella è una dipendente comunale. Socio dell’Avis di Arcevia, nel 2017 aveva ricevuto il riconoscimento per aver effettuato 50 donazioni di sangue.

Sandro Aguzzi era una persona molto altruista e appena poteva aiutava il prossimo. Un gesto concreto che faceva con costanza era donare il sangue. Era inoltre patito delle auto d’epoca. I motori in generale erano la sua passione. Si era ammalato di Covid e il 23 marzo era stato ricoverato. Aveva difficoltà a respirare ma non sembrava che la situazione fosse così drammatica. Invece nel giro di una settimana è precipitata fino all’epilogo di ieri, davvero inatteso. Era un uomo forte, in salute, tanto da donare sempre il sangue, eppure il virus l’ha colpito con la forma più aggressiva strappandolo all’affetto dei suoi cari. Ad agosto avrebbe compiuto 60 anni. Ieri i funerali non erano stati ancora fissati.

Ultimo aggiornamento: 15:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA