Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Torna a casa con l'auto ritirata dalla concessionaria e fa un incidente con un cinghiale, paga la Regione

Torna a casa con l'auto ritirata dal concessionario e fa un incidente con un cinghiale, paga la Regione
​Torna a casa con l'auto ritirata dal concessionario e fa un incidente con un cinghiale, paga la Regione
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Luglio 2020, 03:25
ARCEVIA Torna a casa con la macchina appena ritirata dalla concessionaria ma un cinghiale, sbucato all’improvviso, gliela danneggia. Ha dovuto far ricorso al Giudice di pace, contro la Regione, un 52enne di Corinaldo residente ad Arcevia per vedersi risarcire il danno. La sentenza del Giudice di Pace di Fabriano è stata depositata il 4 luglio.

 
«Il mio assistito, dopo aver ritirato l’autovettura nuova, con soli 58 chilometri di percorrenza – spiega l’avvocato Simona Antonietti – stava transitando lungo la strada comunale che dal Comune di Barbara conduce alla frazione Montale di Arcevia. Un cinghiale, imprevedibilmente, ha tentato di attraversare la carreggiata. Nonostante la moderata velocità con cui procedeva, il cinghiale è andato ad impattare contro la parte anteriore sinistra dell’auto, sbucando all’improvviso, determinando gravi danni al mezzo». Il giudice ha ritenuto responsabile la Regione Marche con «obbligo di custodia e gestione», nei confronti della quale ha rilevato «l’incapacità di gestire la situazione, per anni, nelle zone montane» non avendo posto in essere quei comportamenti che evitano incidenti stradali cagionati da animali selvatici. «Come sostenuto dalla Cassazione – prosegue l’avvocato - se è vero che la fauna deve essere protetta è altrettanto vero che la protezione va rivolta anche agli utenti della strada».
© RIPRODUZIONE RISERVATA