Serviva kebab senza licenza e in un locale abusivo, commerciante nei guai: maxi multa e negozio chiuso

Giovedì 17 Giugno 2021
I controlli sono stati effettuati dalla polizia

ANCONA - Continuava a servire kebab nonostante non avesse alcuna licenza per farlo e fosse già stato sollecitato dal Comune, con un’apposita ordinanza, ad interrompere la sua attività. Il tutto con una denuncia penale alle spalle per abuso edilizio, dal momento che si era “allargato” senza richiederne l’autorizzazione. Ora sono guai per un commerciante straniero di 54 anni, punito dalla polizia con una multa da 5mila euro e con la chiusura del suo locale. 

 

 
Il controllo è stato effettuato martedì dalla Divisione Pasi (Polizia amministrativa e sociale) della questura dorica, insieme ai vigili urbani. Il locale in questione si trova in via Primo Maggio, alla Baraccola, ed è specializzato nella somministrazione di kebab e bevande. Dagli accertamenti è emerso che il commerciante operava senza alcuna licenza e ne era consapevole, dal momento che il Comune, lo scorso 31 maggio, gli aveva notificato un’ordinanza con cui gli aveva intimato di non proseguire l’attività. Nei confronti del 54enne, inoltre, pende una denuncia penale, dopo un’indagine della polizia locale che ha scoperto un abuso edilizio: l’uomo, infatti, aveva ampliato la propria area di attività con un manufatto non autorizzato. Alla luce di questi accertamenti, il commerciante è stato punito con una sanzione amministrativa da 5mila euro e con la chiusura del suo locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA