Andreea, si riaccende la speranza: il cadavere emerso dal Po non è lei. Il fidanzato: «Non l'ho più vista, ora mi preoccupo»

Venerdì 8 Aprile 2022 di Talita Frezzi
Andreea Rabciuc, 27 anni, scomparsa dal 12 marzo

MAIOLATI SPONTINI - Andreea non si trova. Il silenzio, carico di angoscia, segna questi 25 giorni di assenza della 27enne di origini romene, Andreea Rabciuc, scomparsa nel nulla dal 12 marzo dopo una festa con il fidanzato e una coppia di amici in un casolare sulla Montecarottese. Una serata movimentata, in cui la ragazza aveva litigato pesantemente col fidanzato (non era la prima volta, anzi) avrebbe mandato tutti al diavolo, allontanandosi a piedi sulla Montecarottese, tra le 6,30 e le 7 di sabato.

 

Di lei, grandi occhi nocciola, capelli corti con la frangetta blu e un cappellino rosa con le orecchie di gatto, non si sa più nulla. La Procura di Ancona ha aperto un fascicolo, per ora a carico di ignoti. Ieri era circolata anche l’ipotesi di un possibile collegamento tra la scomparsa di Andreea e il ritrovamento, avvenuto martedì scorso a Occhiobello, in provincia di Rovigo, di un cadavere di donna mutilato, nascosto in un borsone e restituito dal Po in secca. 


Gli accertamenti
Ma sono bastati alcuni accertamenti tecnici - sul corpo e sugli abiti - per far escludere categoricamente agli investigatori dell’Arma che si tratti del corpo della ragazza scomparsa in Vallesina. Andreea - argomentazione risolutiva - ha la pelle coperta da numerosi tatuaggi, non presenti nei resti umani ritrovati in Veneto.
Le indagini dei Carabinieri di Jesi continuano. Nessuno quella mattina l’ha vista, eppure una ragazza che cammina da sola sulla tortuosa strada che collega Montecarotto a Moie o Jesi, 10 km nella campagna, si deve notare. Una ragazza con abbigliamento ultracolorato, zainetto verde fluo e tatuaggi sulle mani, non passa inosservata. Un giallo che si infittisce, mentre la mamma Georgiana si trincera dietro un silenzio doloroso e a parlare sono gli amici, l’ex fidanzato Daniele che si dice ancora innamorato di lei e l’attuale fidanzato, Simone, quello della lite, quello che l’ha vista per ultimo, quello che aveva trattenuto il suo cellulare fino a domenica salvo poi riportarlo alla madre. Quello che, ai microfoni della trasmissione di Rai3 “Chi l’ha visto?” minimizza, addirittura alludendo che Andreea possa trovarsi dalla madre.Ma la ragazza manca da casa da 25 giorni, un tempo infinito. «Mi sembra strano perché è scappata via sei o sette volte, ma è sempre tornata, il giorno dopo, due giorni dopo. Cioè lei lo sa quello che fa, mi sembra strano che adesso lassù, sopra Moie, a Montecarotto ci sia qualche maniaco che si ferma con la macchina e la prende e la porta via. Però a questo punto, se non è tornata e non sa niente nessuno, mi preoccupo pure io perché… non riesco proprio a capire. Ma sono tre settimane che non c’è più? Io non l’ho vista, non l’ho vista..». Simone è anche l’autore di un orrendo post pubblicato il 4 marzo su Facebook e mostrato in tv, che si chiude con un “addio per sempre” scritto in rumeno. che, a otto giorni dalla scomparsa della ragazza, fa un brutto effetto. Ma lui si difende, prima sostenendo che non era diretto a lei, poi successivamente, che era un «post vecchio, in risposta a una cosa che aveva scritto lei dopo l’ennesima litigata». 


“Chi l’ha visto?”
Si intrecciano e le dichiarazioni e i timori dell’ex fidanzato, Daniele. «Andreea voleva tornare a essere sé stessa e cambiare vita - ha dichiarato a Rai3 - mi ha detto se il giorno dopo la andavo a prendere perché voleva che la portassi o da me o dalla madre, per passare quest’ultimo mese in tranquillità per poi andare via e non far più sapere a determinate persone dove stava o cosa faceva…». Daniele ha visto Andreea il venerdì 11 marzo, lei la sera esce con altri amici e il fidanzato. Ma la mattina del 12 scompare.

Ultimo aggiornamento: 17:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA