Una vite dentro un pezzo di wurstel, il cane la mangia ma riesce a salvarsi. Ecco cosa è successo

Mercoledì 20 Ottobre 2021
Una vite dentro un pezzo di wurstel, il cane la mangia ma riesce a salvarsi. Ecco cosa è successo

ANCONA -  «Il mio cane ha mangiato un pezzo di wurstel con all’interno una vite (nella foto). È stato operato e per fortuna tutto è andato bene. La veterinaria mi ha spiegato che siamo stati fortunatissimi che questa vite sia rimasta nello stomaco e non abbia fatto danni o perforazioni importanti all’interno dello esofago e stomaco, e soprattutto che non sia arrivata all’intestino. Io e lei abbiamo denunciato l’accaduto ai carabinieri e alla polizia, ma è importantissimo che la gente sappia che ci sono questi pericoli in giro. Se una persona non se ne accorge subito del problema il cane può soffrire tantissimo e avere dei problemi gravi».

 

L’allarme arriva dalla proprietaria di un cane che lunedì sera si è imbattuta nei pericolosi bocconi lasciati in un’aiuola di piazza Cavour, lato Palazzo ex Ferrovie. «Sono state avvisate le autorità competenti, tenete gli animali sempre al guinzaglio e museruola sicuramente ce ne potrebbero essere altri» l’allert diffuso dall’associazione Oipa.

«Tornando a casa con i miei cani uno di loro ho visto che mangiava qualcosa da terra e ho provato a toglierglielo dalla bocca - ricorda la proprietaria - quando nell’abbassarmi ho visto che accanto a dove lei aveva preso qualcosa c’era un pezzo di wurstel con all’interno una vite. Ho chiamato subito la mia veterinaria e nella clinica ha fatto una lastra. L’esame ha confermato la presenza di questo oggetto nello stomaco del mio cane». Corpo estraneo rimosso grazie alla disponibilità di un altro veterinario che ha così evitato guai peggiori all’esemplare. La presenza di bocconi con chiodi o viti è stata segnalata ripetutamente nelle ultime settimane sempre in zone diverse della città. Alcuni mesi fa un pensionato era stato fermato per aver lasciato dei wurstel con chiodi nella zona di Brecce Bianche.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA