Sorpresi con il cellulare alla guida, arriva la stangata: 174 multe. E gli incidenti in città aumentano del 15%

Controlli dei vigili urbani
Controlli dei vigili urbani
di Lorenzo Sconocchini
3 Minuti di Lettura
Domenica 23 Maggio 2021, 05:05

ANCONA - S’era talmente distratto parlando con il cellulare appiccicato all’orecchio che uscendo da una curva ha dovuto inchiodare per fermarsi in tempo all’alt dei vigili urbani, sorpreso in flagranza di uso proibito di telefonino. È solo uno dei tanti automobilisti, 41 in tre settimane, multati dalla Polizia locale di Ancona per infrazione all’articolo 173 del codice della strada, che punisce chi impugna il telefono mentre guida con una multa da 165 euro e il taglio di 5 punti dalla patente. Dal primo maggio a giovedì scorso, i vigili del comando dorico ne hanno multati in media due al giorno. 

 
L’uso improprio del telefono alla guida è una delle cause più frequenti di distrazione e dunque di incidente. Che gli automobilisti anconetani si siano lasciati andare lo rivelano le sanzioni elevate dalle pattuglie della polizia locale dall’inizio dell’anno. Per guida con utilizzo del telefono dal 1° gennaio al 20 maggio 2021 sono state effettuate 174 sanzioni. «L’incremento – afferma la comandante della Polizia Locale di Ancona, Liliana Rovaldi, - testimonia che ancora non vi è rispetto per questa norma del codice della strada. La sua inosservanza mette in pericolo il conducente e tutti gli altri utenti della strada. Non daremo tregua. Tanto è che dall’inizio di maggio, rientrando in zona gialla, abbiamo potuto dedicare delle pattuglie per controlli mirati su questo tipo di irregolarità».

Gli incidenti stradali sono aumentati rispetto al passato, almeno il 15 per cento in più, tanto è che di recente la Polizia locale ne ha rilevati ben 7 in una sola giornata. Sinistri magari non gravi, ma tutti causati dalla distrazione alla guida, spesso proprio a causa dell’utilizzo del telefonino che qualcuno si ostina persino a tenere in mano in viva voce mentre circola per la città.
«Il comando della Polizia Locale ha a disposizione due pattuglie al mattino e altre due il pomeriggio per il rilevamento dei sinistri, sono chiamate pattuglie infortunistica e quando non sono impegnate in questa attività, verificano che siano osservate le regole – continua la comandante Rovaldi -. Dall’inizio dell’anno abbiamo accertato che queste pattuglie sono quasi sempre impegnate e quindi lavorano in continuazione, persino rilevando due sinistri in contemporanea. Ricordiamo che quando succede un incidente vuol dire che almeno uno dei conducenti non ha rispettato le regole del Codice della Strada».
Se si vuol telefonare o rispondere a una chiamata, e non si ha il vivavoce dell’auto o adeguato auricolare, consiglia la comandante della Polizia Locale, è sempre meglio accostare e fermarsi. Oltre ad evitare l’incidente, si eluderà la sanzione da 165 euro (se pagata entro cinque giorni diventano 115euro) con l’aggiunta della decurtazione di 5 punti dalla patente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA