Piovono calcinacci, la galleria perde pezzi: intervengono i vigili del fuoco. Disagi e code sulla variante senza pace

Lunedì 14 Giugno 2021 di Stefano Rispoli
L'intervento dei vigili del fuoco in galleria

ANCONA - Piovono calcinacci in galleria, allarme e traffico a singhiozzo sulla variante alla Statale 16. La segnalazione è partita ieri pomeriggio dai carabinieri: una pattuglia di passaggio ha notato sull’asfalto pezzi di intonaco caduti dalla volta del tunnel e ha avvertito i vigili del fuoco. Tempestivo il loro intervento congiunto ai tecnici dell’Anas: le parti pericolanti sono state rimosse e da un primo sopralluogo non sono emerse criticità, ma l’operazione è andata avanti per un paio d’ore nelle quali la circolazione ha subito disagi perché la polizia stradale di Senigallia ha dovuto allestire il senso unico alternato.

 

 
L’allarme è scattato attorno alle 15,30 nella galleria Madonna del Carmine, lungo la variante, poco dopo il tunnel del Montagnolo in direzione Torrette. Fortunatamente i detriti piovuti dall’alto non hanno colpito nessun automobilista. I vigili del fuoco hanno provveduto con un elevatore a rimuovere tutte le parti ammalorate che, a causa dell’incedere del tempo e di infiltrazioni d’acqua, stavano crollando dalla parte superiore della volta. Per consentire l’intervento, la Stradale ha organizzato un restringimento della carreggiata che inevitabilmente ha comportato code e disagi su una strada già bersagliata dal traffico. Da una prima analisi non sono state riscontrate situazioni di rischio, per questo la circolazione delle auto è sempre stata garantita: tuttavia, ieri sera i tecnici dell’Anas hanno approfittato della già programmata chiusura della variante per i lavori all’interno della galleria del Montagnolo per effettuare un nuovo sopralluogo nel tunnel dal quale si sono staccati i calcinacci, in modo da aver un quadro più chiaro della situazione e prendere i dovuti accorgimenti. 
Non c’è pace per la variante alla Statale 16 dove da settimane, dopo il ritorno in zona gialla, a causa del traffico più sostenuto e anche dei lavori per il nuovo Salesi all’ospedale di Torrette, si verificano quotidianamente incolonnamenti chilometrici negli orari di punta. La buona notizia è che finalmente si è sbloccato il progetto per il raddoppio della variante nel tratto tra Torrette e Falconara. Dopo l’estate dovrebbe partire il cantiere, assegnato a un’impresa di Torino per 167 milioni. Per l’opera, finanziata dall’Anas, è in corso la fase della stipula del contratto. Il progetto, atteso da decenni, prevede l’ampliamento da due a quattro corsie del tratto tra il bivio di Torrette e l’innesto della statale 76, svincoli compresi, per una lunghezza di 7,3 km, dei quali 900 metri in viadotto e 700 metri in galleria. La durata prevista dei lavori è di 1.095 giorni. Se tutto andrà bene, il raddoppio verrà dunque completato nel 2024. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA