Fine del degrado per le Scandali: l'ex scuola venduta all'asta per 172mila euro dopo decenni di abbandono

Giovedì 14 Ottobre 2021 di Massimiliano Petrilli
L'ex scuola Scandali a Tavernelle

ANCONA - Dopo anni di tentativi il Comune è finalmente riuscito a vendere l’ex scuola Scandali di via Tavernelle. Nelle casse di Palazzo del Popolo entreranno 172mila euro, il prezzo base fissato all’asta di luglio. In quell’occasione il bando era andato tecnicamente deserto visto che l’unica offerta arrivata era pari alla base d’asta. E visto che nei trenta giorni successivi è stata presentata un’istanza dacquisto, in base al regolamento gli uffici comunali hanno potuto avviare la trattativa privata con l’immobiliare che ha offerto 172mila euro per acquistare l’immobile.

 

«Tutte le spese notarili e tecnico-catastali, le tasse ed imposte vigenti al momento della stipulazione dell’atto saranno a carico dell’acquirente, compreso, se necessario, l’Attestato di Prestazione Energetica, come da deliberazione di Giunta» viene sottolineato nel documento che attesta la decisione di vendere la vecchia scuola all’immobiliare anconetana. Si conclude così un capitolo di aste andate a vuoto nel corso degli ultimi 15 anni.

L’immobile era stato inserito nel piano delle alienazioni per un valore stimato di circa 330mila euro per una superficie complessiva di 870mq. Recentemente il Comune aveva inoltre bonificato il tetto dall’amianto. Nel corso del tempo la vecchia scuola, costruita nel 1939, era stata pensata come quartier generale del volontariato, successivamente come alloggi per le famiglie dei bambini ricoverati al Salesi. Ma tutte le idee erano rimaste sulla carta e così la scuola era finito ostaggio dell’incuria, utilizzata in passato dai disperati alla ricerca di un posto dove trascorrere la notte. 


Ora l’offerta dell’immobiliare permetterà di dare nuova vita a questo edificio di fronte alla scuola Maggini. «L’ex scuola elementare realizzata nel 1939, attualmente dismessa ed in stato di abbandono - si legge nella scheda tecnica allegata al bando - L’edificio si sviluppa su due piani fuori terra, oltre a un locale centrale termica esterno al corpo principale». A luglio erano stati inoltre vendute un’abitazione in via Grotte, un’area ex Pip alla Baraccola e un negozio in piazza D’Acqusito.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA