Sfide da brividi con le moto nel park del cimitero: blitz dei carabinieri, fermati 20 giovani

Sfide da brividi con le moto nel park del cimitero: blitz dei carabinieri, fermati 20 giovani
Sfide da brividi con le moto nel park del cimitero: blitz dei carabinieri, fermati 20 giovani
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 03:30 - Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 09:02

ANCONA  - Il rombo dei motori, di giorno e di notte, ormai è diventato una colonna sonora costante a Tavernelle, dove comitive di ragazzi - molti minorenni - si ritrovano per esibirsi in evoluzioni da brividi su moto e scooter o per organizzare gare con auto truccate. Il parcheggio del cimitero è stato trasformato in una pista senza regole, dove i baby piloti ingaggiano sfide pericolose e si esercitano in impennate e slalom a tutta velocità tra le aiuole e i pali della luce. 

Si contendono una ragazza in discoteca, poi si rivedono in spiaggia: scatta la rissa, un giovane colpito da una bottigliata alla testa


Il problema è che per il rumore costante dei motori ci sono residenti che di notte non chiudono occhio, specialmente nel weekend. Ma a lamentarsi non sono solo loro. Sabato scorso gli operatori del Comune si sono visti costretti a chiamare i carabinieri perché un folto gruppo di giovani si divertiva a scorrazzare su e giù nel parcheggio. Erano una ventina. Hanno provato a parlarci, chiedendo la gentilezza di allontanarsi perché altrimenti non avrebbero potuto procedere allo sfalcio dell’erba. Ma non c’è stato verso. Così, esasperati, alla fine hanno contattato il numero unico d’emergenza 112.

Ad interrompere il rally di Tavernelle ci hanno pensato i militari dell’Arma che hanno fermato i giovani prima che si allontanassero sulle due ruote. Li hanno identificati ad uno ad uno, avvertendoli dei rischi che corrono e del disturbo che arrecano agli abitanti della zona: basti pensare che il frastuono delle loro accelerazioni e sgommate si sentono sull’asse nord-sud e perfino nel quartiere delle Grazie. Dopo oltre un’ora di accertamenti, i carabinieri hanno lasciato andare i ragazzi, senza prendere provvedimenti nei loro confronti. Così, gli operatori comunali hanno potuto completare lo sfalcio del verde in tutta sicurezza. 


Basterà per fermare gli aspiranti piloti? Se lo augurano i residenti di Tavernelle, preoccupati che prima o poi possa succedere qualche incidente, per non parlare del fatto che il parcheggio è quasi sempre deserto e potrebbe essere utilizzato per altri scopi. 


A marzo, poi, si era verificato un episodio increscioso su cui gli inquirenti stanno facendo chiarezza. Un 62enne, stanco di non dormire la notte per colpa del rumore assordante, ha deciso di affrontare di persona i baby centauri. La richiesta di chiarimenti è finita nel peggiore dei modi. L’uomo ha raccontato di essere stato picchiato da tre quindicenni che gli avrebbero risposto in malo modo: è finito all’ospedale ed è stato dimesso con 7 giorni di prognosi, anche se poi i ragazzini si sono difesi sostenendo che era stato lui il primo ad aver alzato le mani. In attesa che l’autorità giudiziaria chiarisca i contorni di questa vicenda, resta l’allarme di un parcheggio adiacente al cimitero, dove c’è tutto meno che il silenzio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA