Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ubriaco sfreccia in auto marciando a zigzag: fermato, finisce nei guai

Ubriaco sfreccia in auto marciando a zigzag: fermato, finisce nei guai
Ubriaco sfreccia in auto marciando a zigzag: fermato, finisce nei guai
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Febbraio 2020, 03:20

ANCONA  - Continuano i servizi di controllo messi in atto su tutto il territorio dagli agenti della Polizia di Stato. Ieri notte, verso le 2, i poliziotti delle Volanti della Questura dorica, hanno fermato il conducente di un’auto che, in Via Macerata, marciava ad alta velocità zigzagando. Subito fermato dagli agenti che erano di pattuglia, il conducente ha evidenziato quelli che sono chiaramente apparsi come i sintomi dell’ubriachezza, tanto che rideva continuamente alle domande che gli venivano formulate dai poliziotti, forse pensando ad uno scherzo di carnevale. Altro che scherzo. Anche durante la prova con l’ etilometro l’uomo non riusciva a fermare la particolare ed irrefrenabile ilarità che, però, col passare dei minuti scemava sempre più soprattutto quando era costretto a consegnare la patente di guida agli agenti e l’autovettura, non di sua proprietà, ad un parente. Accertato che dalla prova con l’etilometro è risultato avere circa 2 g/l di alcol nel sangue, il 38enne anconetano, già recidivo per lo stesso reato, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza. Non si allenta la morsa dei controlli della polizia di stato, che suddividendo il territorio della città a scacchiera, presidia tutte le zone con particolare attenzione a quelle maggiormente sensibili.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, i casi nelle Marche salgono a tre. Ecco da dove provengono

© RIPRODUZIONE RISERVATA