Ubriaco, tenta di violentare una donna e poi aggredisce a calci e pugni i poliziotti, rubando un manganello: scene da far west ad Ancona

Ubriaco, tenta di stuprare una donna e poi aggredisce a calci e pugni i poliziotti, rubando un manganello: scene da far west in strada
Ubriaco, tenta di stuprare una donna e poi aggredisce a calci e pugni i poliziotti, rubando un manganello: scene da far west in strada
di Peppe Gallozzi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Novembre 2022, 15:40 - Ultimo aggiornamento: 18:32

ANCONA - Dovrà rispondere di violenza sessuale, resistenza a pubblico ufficiale e violazione di Daspo urbano un uomo di 46 anni, di origini liberiane, arrestato ieri sera (24 novembre) dalla Polizia in via Cristoforo Colombo ad Ancona. Lo stesso, visibilmente ubriaco, ha scatenato la bagarre con scene da far west nei confronti di una donna e dei poliziotti. Scene che si sono poi prolungate sia nel trasporto in Questura che in Questura stessa.

LEGGI ANCHEFemminicidi, domani a Fano la visita del presidente del Senato Ignazio La Russa per ricordare Anastasiia

La ricostruzione

La donna aggredita, una ragazza nativa del Ghana di 34 anni, si trovava alla fermata dell'autobus insieme ad un'amica quando si è sentita tirare il cappuccio del giubbotto dall'uomo con cui, in passato, aveva avuto una relazione di circa quattro anni. Il 46enne, pronunciando frasi violente dove la invitava a non avere altre storie d'amore se non con lui o minacciando di ammazzarla, ha tentato di molestarla strappandole vestiti e reggiseno. Neanche l'amica, colpita anch'essa, è riuscita a fermare la furia dell'uomo. Solo l'intervento dei poliziotti ha impedito che venisse consumata la violenza seppur a grande fatica. Gli agenti, infatti, hanno dovuto fronteggiare l'impeto dell'aggressore che, non solo, ha cercato di colpirli con calci e pugni ma ha anche rubato ad uno di loro un manganello in dotazione. Solo dopo alcuni minuti i poliziotti sono riusciti a condurre l'uomo in Questura. L'arresto è stato convalidato dal PM con l'uomo che attualmente si trova nel carcere di Montacuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA