Il borsino delle spiagge mentre fioccano le prenotazioni: Portonovo la star e Palombina low cost

Mercoledì 16 Giugno 2021 di Andrea Maccarone
Il borsino delle spiagge mentre fioccano le prenotazioni: Portonovo la star e Palombina low cost

ANCONA - Prenotazioni à gogo. Parte l’estate in riviera. L’offerta è ampia, tra servizi e fasce di prezzo differenti a seconda delle zone. Più economiche le spiagge di Palombina e Falconara fino al Passetto. Portonovo star della riviera con i prezzi più alti, mentre Sirolo e Numana viaggiano su una fascia di perfetto equilibrio tra le proposte agli estremi. Gli operatori, intanto, sono pronti ad accogliere i turisti. Gli stagionali sono ormai tutti piazzati. Non resta che attendere il flusso da fuori regione. Lombardia, Emilia e Umbria di nuovo nel top ranking delle provenienze. E a sorpresa cominciano ad affacciarsi anche gli stranieri: danesi e tedeschi in particolare. 

 

I prezzi 

La scelta della spiaggia generalmente avviene tenendo conto di alcune variabili: comodità, servizi, parcheggi. E perché no, il prezzo. Anzi, in molti casi è la variabile determinante. Perché una giornata di mare, se non si bada alla spesa, potrebbe venire a costare quanto una cena in un ristorante gourmet. E allora meglio avere un quadro della situazione. Per rimanere in una zona per così dire economy, che non vuol dire assolutamente poco qualificata sia chiaro, le spiagge di Palombina e Falconara fino al Passetto di Ancona si attestano tra le più approcciabili: il giornaliero di ombrellone con due lettini si aggira intorno ai 15 euro. «La nostra è una spiaggia pet friendly e attrezzata anche per ospitare i disabili - dice Claudio Fiorini Granieri, titolare del Tropical Beach di Palombina - molti anconetani stanno riscoprendo il pregio delle nostre spiagge». La fascia di mezzo è occupata dai balneari di Sirolo e Numana. «La forbice va dai 20 ai 25 euro per ombrellone con due lettini» spiega Luca Paolillo, presidente dell’associazione Bagnini della Riviera del Conero e titolare dello stabilimento Taunus di Numana. Poi c’è Portonovo, la star della riviera che sfodera l’offerta più alta che si aggira tra i 30 e i 35 euro per il giornaliero in spiaggia. 
Tutti al mare 
Che sia low cost o no, al mare quest’anno non vuole rinunciare proprio nessuno. E infatti gli stabilimenti sono stati presi d’assalto. «Il grosso sarà concentrato tra metà luglio e agosto - continua Paolillo - ma come sempre manteniamo una buona quota di ombrelloni per il turismo». Quindi non soltanto stagionali e locali. Quest’anno più che mai si tende a favorire il flusso extraregioanale. «E cominciano a farsi vedere anche gli stranieri - dice Marco Ferrante dell’Orange Beach di Falconara - abbiamo avuto presenze dalla Danimarca e dalla Germania». 
«Basta affacciarsi un attimo in spiaggia ed è tutto pieno - commenta Edoardo Rubini di Emilia a Portonovo - i segnali sono ottimi. La stagione è partita». Anche se il meteo non è stato finora troppo clemente. «Non si può dire che siamo nel pieno dell’anticiclone - afferma Michele Giacchetti, dello stabilimento Da Giacchetti a Portonovo - per ora il tempo non è stato un gran che, ma le prenotazioni ci sono. Siamo ottimisti». E anche alla spiaggia del centro città gli ombrelloni vanno verso il sold out. «Stiamo andando molto bene - ammette Claudio Cerusico, titolare dello stabilimento Valentino - la spiaggia del Passetto è piccola, ma molto accogliente. E poi siamo nel cuore della città, direi che non ci si può lamentare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA