Il terreno cede, i gradini si infossano
Senza pace la scalinata del Passetto

Il terreno cede, i gradini si infossano Senza pace la scalinata del Passetto
2 Minuti di Lettura
Sabato 30 Giugno 2018, 06:35

ANCONA - Dopo le scritte realizzate con i pennarelli, i gradini imbrattati con una bomboletta di vernice spray di color rosso e i tanti rifiuti abbandonati in zona, ora si segnalano problemi lungo la scalinata che scende in direzione della spiaggia del Passetto. A distanza di quasi novanta anni dalla sua realizzazione (alla cerimonia di inaugurazione, il 3 novembre 1932, partecipò anche Benito Mussolini) e poco tempo dopo l’ultimo intervento, il Monumento ai caduti, al termine del Viale della Vittoria, con annessa scalinata lamenta ancora una serie di problemi strutturali. 

L’ultimo allarme arriva dalla scalinata che scende in direzione della spiaggia del Passetto per la precisione nel lato rivolto verso l’ascensore dove gli ultimi quindici gradini in marmo prima di raggiungere la balconata risultano affossati verso l’interno. Buona parte di questi gradini ad una attenta analisi mostrano una rima di frattura che dall’alto scende verso il basso. A provocare questa sorta di affossamento verso l’interno un cedimento del terreno sottostante provocato da una consistente infiltrazione d’acqua piovana. In poche parole l’acqua piovana ha creato una sorta di drenaggio facendo scivolare il terreno verso l’esterno. Da qui l’affossamento dei gradini in pietra alcuni dei quali anche a causa del peso risultano danneggiati in più punti. La speranza è quella che il Comune quanto prima riesca ad intervenire prima che nuove piogge finiscano di minare del tutto il sottostante basamento in terra. Un problema analogo si era registrato nei scalini circolari posti ai piedi del basamento del Monumento. Dopo anni di attesa l’amministrazione comunale in accordo con la Soprintendenza aveva effettuato una serie di lavori di ristrutturazione dei gradini del Monumento. Una volta rimosse le pietre, la ditta aveva provveduto a sanare il terreno su cui poggiavano i gradoni ridando cosi continuità e stabilità a quello che viene considerato il simbolo della città. Un intervento certosino effettuato da una ditta specializzata portato a termine lo scorso anno nei giorni in cui è stato inaugurato l’ascensore del Passetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA