Task force di volontari e agenti della Municipale nelle 12 fermate a rischio

Mercoledì 20 Gennaio 2021 di Andrea Maccarone
Task force di volontari e agenti della Municipale nelle 12 fermate a rischio

ANCONA  - Accelerata sul rientro a scuola. Sono in corso le ultime verifiche per garantire l’ingresso lunedì mattina al 50% degli studenti. Nessun problema per gli istituti, che si erano già ampiamente preparati per il ripristino delle lezioni in presenza lo scorso 7 gennaio. Mentre il nodo sicurezza in ambito trasporti è quello che presenta sempre qualche spina in più. Il gruppo di lavoro comunale, presieduto dagli assessori Stefano Foresi e Ida Simonella, si riunirà oggi per definire al millesimo la gestione e il controllo degli spostamenti nei due turni di ingresso e uscita da scuola.

 

LEGGI ANCHE:

Steward a bordo e app per prenotare le corse: le soluzioni dei sindacati dei trasporti per garantire un ritorno sereno a scuola

 

Uno dei punti cruciali riguarda il check point alle fermate, ovvero: chi garantirà l’ordine alle pensiline evitando, per quanto possibile, gli assembramenti?
 


L’amministrazione comunale ha coordinato un tavolo proprio per affrontare questo aspetto. «Faremo leva sui volontari della Protezione civile – afferma l’assessore competente Foresi – e riceveremo un supporto anche dalla Polizia locale. Domani (oggi per chi legge, ndr) faremo il punto con il gruppo di lavoro». Nei giorni scorsi era emersa una certa criticità proprio sotto il profilo delle forze che dovranno essere impiegate a terra per coadiuvare il servizio on-board degli steward. Da un primo raffronto sembrava che non fossero ancora abbastanza i volontari per offrire la copertura necessaria a tutte le fermate considerate più a rischio, ovvero dove il passaggio degli studenti va a sommarsi al normale flusso dell’utenza quotidiana. 


«Stiamo lavorando proprio per evitare questo tipo di problematica – assicura Foresi – tanto che abbiamo già individuato quelle fermate che potrebbero essere più a rischio assembramenti». Secondo la stima dell’assessorato alla sicurezza sarebbero 12 le fermate clou. Quelle a maggior tasso di affluenza, proprio perché nelle vicinanze degli istituti scolastici. Tra cui: via Martiri della Resistenza, via Bocconi, Tavernelle sotto il cavalcavia, via Misa a Torrette. «Importante è capire quanti studenti arrivano dall’hinterland – aggiunge Foresi –: questo aspetto lo affronteremo con il gruppo di lavoro dove sarà presente anche Conerobus». Nel piano del Comune sono 2 controllori volontari per ciascuna delle 12 fermate e per ciascun turno (ingresso/uscita). 


Un approfondimento sul tema era già stato fatto a settembre scorso, quando agli istituti scolastici era stato chiesto di redigere un documento dettagliato con tutte le provenienze dei vari studenti. Se quel documento è ancora presente in qualche cassetto, il piano è presto fatto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA