Ragazzina vittima dei bulli in classe:
«Mi hanno deriso, ero troppo grassa»

Domenica 23 Aprile 2017
ANCONA - Una ragazza presa in giro dai compagni di classe e costretta a dimagrire perché considerata troppo grassottella. Un’altra ha dovuto chiudere il suo profilo Facebook dopo la paura di essersi imbattuta nelle trame di un leone da tastiera, in cerca di foto e compagnia di minori. Storie ripescate dalla memoria e dall’animo con ferite ancora fresche, emerse ieri mattina nell’aula magna del liceo classico Rinaldini, nell’ambito di una serie di incontri tesi a sensibilizzare tra gli studenti la questione del bullismo e del cyberbullismo.

A tenere banco sono state le storie dei ragazzi, molti dei quali minori, che per quasi tre ore hanno discusso su temi delicati, sempre meno sporadici all’interno di gruppi scolastici e nella rete, insidiosa e oscura, dei social network. Per informare gli alunni sulle conseguenze legate al bullismo e all’uso improprio del web sono saliti in cattedra due esperti: Luca Russo, analista forense e presidente dell’associazione Ragazzi in Rete, e Laura Seveso, giudice del Tribunale dei Minori. L’incontro ha anche fatto luce sulle leggi che regolamentano i reati informatici. Tra i più diffusi ci sono casi di furto di identità, pedopornografia, minacce e molestie. Ultimo aggiornamento: 10:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA