Staccionata sulla ringhiera del Passetto: «C’è un totale abbandono»

Staccionata sulla ringhiera del Passetto: «C è un totale abbandono»
Staccionata sulla ringhiera del Passetto: «C’è un totale abbandono»
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Settembre 2020, 04:25

ANCONA  - Una fila di staccionate per sostenere la ringhiera pericolante. Un’opera necessaria, vista la situazione precaria dell’area, che però è un pugno nell’occhio per i turisti e gli amanti del Passetto che la frequentano e che, per l’opposizione, «denota improvvisazione e scarsa attenzione da parte dell’Amministrazione comunale».

Le segnalazioni dei residenti, stanchi del degrado dei “luoghi del cuore”, sono state raccolte ed esternate dai rappresentanti locali di Forza Italia, il commissario comunale Teresa Dai Prà e il vice commissario Luca Mariotti. «Siamo stati il primo partito ad intervenire più volte sulla questione dei laghetti e a denunciare il loro stato di abbandono a poche settimane dall’inaugurazione - spiegano -. Siamo molto sensibili al tema del Passetto, vista l’importanza che riveste per la città e i soldi spesi dalla Giunta. Ci sentiamo di dover alzare di nuovo la voce perché quello che è stato ribattezzato il “balcone di Ancona” si trova nel più totale stato di abbandono. La balaustra è stata messa in sicurezza con travi di legno in un’area maltenuta che dovrebbe essere il fiore all’occhiello del capoluogo». «Dopo l’acqua con la schiuma dei laghetti, assistiamo ora all’ennesimo scivolone dell’amministrazione comunale che si fa notare per i lavori fatti a metà», denunciano da Forza Italia.

 
Le assi di legno sono state posizionate per sorreggere la ringhiera in ferro che, a causa del cedimento del terreno, rischia di franare. Si trova in corrispondenza del parcheggio che sovrasta la piscina comunale, la pineta e l’area per i cani. Un’area sempre molto frequentata dai pedoni. Anche il marciapiede è sconnesso e pericoloso per i pedoni: colpa delle radici degli alberi e del lento movimento della collina. Ed è proprio questo, secondo l’assessore Stefano Foresi, il nodo del problema. «Il Comune - afferma negando quindi che ci sia disinteresse o improvvisazione - è consapevole da tempo del problema che non riguarda tanto la balaustra quanto tutto il muraglione sottostante».

La staccionata, quindi, dice ancora Foresi, «è stata installata solo per mettere in sicurezza la zona ed evitare che i pedoni possano avvicinarsi». Si tratta, precisa ancora Foresi, di una situazione temporanea «dal momento che il Comune è riuscito ad affidare un incarico esterno per il recupero e la messa in sicurezza dell’intera area: un lavoro che sarà fatto al più presto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA