SpiaggiaBonetti, i vigili del fuoco: «Tutte le prove distrutte dal rogo»

Mercoledì 3 Giugno 2020
SpiaggiaBonetti, i vigili del fuoco: tutte le prove distrutte dal rogo

ANCONA - Un guasto? Un sovraccarico elettrico? Un impianto difettoso? Tutto può essere. Il problema è che i vigili del fuoco non hanno rilevato nulla di tutto ciò perché, quando sabato sono intervenuti a Portonovo dopo la prima segnalazione, attorno alle 6,30 del mattino, SpiaggiaBonetti era ridotta a un cumulo di legna incenerita. Per questo la relazione che oggi verrà consegnata ai carabinieri non conterrà elementi in grado di orientare verso una precisa direzione gli investigatori del Norm, guidati dal comandante Vittorio Tommaso De Lisa e coordinati dal pm Marco Pucilli. E’ andato tutto distrutto e non sono state rinvenute tracce per avvalorare l’origine accidentale dell’incendio: quanto basta per alimentare il sospetto del dolo, anche perché lo stabilimento era stato ristrutturato solo un anno fa.

LEGGI ANCHE:

Due overdose nel giro di poche ore: è allarme droga ad Ancona

L’indagine, condotta a 360 gradi, ora punta tutto sull’analisi di celle telefoniche e filmati. Dopo quelle già in possesso del ristorante Giacchetti, del Plaza in piazzetta e di abitazioni private, sono state acquisite le immagini riprese da altre telecamere della zona: verranno scandagliate ore e ore di registrazioni perché buona parte della baia è finita sotto l’occhio elettronico delle spycam e, adesso, sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori, alla ricerca di movimenti sospetti. Minacce? Intimidazioni? «Mai ricevute» ha garantito il titolare, Paolo Bonetti, a chi l’ha interrogato. Per questo non c’è un’ipotesi che prevalga sull’altra. Ma intanto dalle indagini è emerso che l’inferno si sarebbe scatenato molto prima della segnalazione di un grossista di passaggio, arrivata alle 6,30 del mattino, ipotesi sostenuta anche dai vigili del fuoco perché un danno del genere non avviene certo in poco tempo, sebbene lo chalet, perfettamente a norma, fosse costruito in legno e non fosse dotato di impianto antincendio perché la legge non lo prevede per strutture così piccole. I carabinieri hanno la ragionevole certezza che il rogo si è innescato attorno alla mezzanotte, se non prima. Ma nessuno se n’è accorto: gli altri locali, infatti, avevano già chiuso e i vicini, a causa del maltempo, avevano lasciato Portonovo per tornarsene a casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA