Litorale della Riviera del Conero sotto pressione: lavori in corso e soldout, caccia all'ombrellone

Domenica 22 Maggio 2022 di Andrea Maccarone
Litorale della Riviera del Conero sotto pressione: lavori in corso e soldout, caccia all'ombrellone

ANCONA - Ultimi ritocchi alle spiagge. Gli stabilimenti si preparano all’avvio di stagione. In alcuni punti mancano ancora da sistemare gli arenili, ma gli ombrelloni sono quasi ovunque piazzati. C’è movimento, dicono gli operatori. Sono soprattutto pendolari o “local”. Fatto sta che ieri tutte le spiagge hanno avuto una buona affluenza. E il grosso è atteso per la giornata di oggi. Lungo la riviera del Conero il 90% degli stabilimenti è già operativo.

 

Mancano all’appello alcuni tratti, in particolare quelli gestiti dai camping che si stanno mettendo al passo proprio in questi giorni. «In ogni caso la stagione è partita» dice Luca Paolillo dello stabilimento Taunus a Numana e presidente dell’associazione bagnini della riviera del Conero. «Al porto si sta eseguendo il dragaggio del fondale - continua Paolillo - per consentire l’arrivo delle imbarcazioni». Alcune, quelle più piccole, sono già ormeggiate. Entro la prossima settimana il porto di Numana sarà operativo del tutto. 

Il mare in città

E anche la spiaggia Valentino di Ancona si prepara all’avvio di stagione. «L’arenile non è stato ancora livellato - spiega Claudio Cerusico, titolare dello stabilimento - ma gli ombrelloni sono tutti al loro posto». A Senigallia, invece, dove problemi di livellamento non ce ne sono, gli stabilimenti sono tutti a pieno regime da giorni. «Siamo partiti - dice Filippo Borioni dei Bagni 77 - movimento c’è e arrivano le prenotazioni per la stagione». Dunque si prevede un’estate da grandi numeri. Il turismo interno è già in fermento «ma si dovrebbe fare qualcosa di più verso il mercato estero - continua Borioni - occorre incrementare la quota di mercato degli stranieri che, solitamente, prediligono la bassa stagione». 
Weekend di sole e temperature estive. Arriva il primo esodo dalle città verso la costa. E da nord a sud della riviera i lettini sono già tutti pieni. Non ai livelli di alta stagione, per carità. Ma l’affluenza è comunque elevata. «Soprattutto per chi lavora principalmente con la gente del posto - spiega Paolillo - mentre per chi, come noi, tiene una quota consistente di ombrelloni per i turisti dovrà attendere l’estate per vedere la spiaggia piena». Infatti questi primi weekend di bel tempo sono caratterizzati da un flusso proveniente dalle città limitrofe. Per non dire prettamente locale, come nel caso della spiaggia del Passetto. «E’ quello che io chiamo il mare in tasca - afferma Cerusico - o a chilometro zero». Da anni il Passetto è stato riscoperto da tanti anconetani, e scoperto, invece, per la prima volta da molti turisti. 

Le richieste 

«Stiamo ricevendo tante prenotazioni - continua Cerusico - abbiamo ancora degli ombrelloni disponibili, ma entro breve arriveremo al tutto esaurito». Con la pandemia è decisamente incrementato il turismo di prossimità, e la fine delle restrizioni ha finalmente permesso agli operatori di inaugurare la stagione nelle tempistiche in linea con il periodo pre Covid.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA