Soldi per un posto al sole, scoperto il bagarino per la prenotazione in spiaggia

Martedì 8 Settembre 2020 di Martina Marinangeli
Lo stradello di accesso alla spiaggia di Mezzavalle dalla provinciale del Conero

ANCONA - L’ombra del bagarinaggio si allunga sulla spiaggia più gettonata del Conero. Con l’accesso contingentato dall’obbligo di prenotazione tramite iBeach, a Mezzavalle qualcuno ha pensato di poter speculare chiedendo denaro in cambio di un posto al sole – nel vero senso della parola –, lasciando passare anche chi non avesse fermato, gratuitamente, uno stallo con l’app. Stando alle prime verifiche, si tratterebbe di uno steward addetto ai controlli all’imbocco dello stradello, già allontanato dal servizio su richiesta dell’amministrazione comunale. Nelle scorse settimane, il Corriere Adriatico aveva riportato la testimonianza di una coppia di turisti riuscita ad accedere al lido anche senza prenotazione (non sapevano servisse) in cambio di 10 euro. 

LEGGI ANCHE: Senza veli in spiaggia: due uomini nudi multati dai carabinieri

LEGGI ANCHE: Bagarini a Mezzavalle? «La app non lo consente ma occhio ai truffatori». Una coppia: «Un ragazzo ci ha offerto le prenotazioni in cambio di 10 euro»

 
Interrogazione in Consiglio
Ieri, la sindaca Valeria Mancinelli, rispondendo in Consiglio comunale ad un’interrogazione di Francesco Rubini (capogruppo di Altra idea di città) proprio in merito alle diverse segnalazioni di un potenziale illecito da parte di bagnanti ed operatori, ha fatto sapere che «queste voci sono arrivate anche dalla polizia municipale, che «già da diversi giorni stava conducendo controlli ancora più mirati. In spiaggia – riporta la prima cittadina –, alcune persone, soprattutto non residenti, avevano dichiarato che era stato loro richiesto un pagamento e lo avevano fatto, ritenendosi così in regola». 
La polizia locale ha registrato queste segnalazioni, «prendendo nomi e cognomi e, completato un primo giro di accertamenti, ha trasmesso il tutto alla Procura della Repubblica – spiega Mancinelli –: ora sono in corso indagini più specifiche. Sembrerebbe che la condotta illecita abbia riguardato una persona addetta ai controlli e, cautelativamente, dopo i primi riscontri, è stata sospesa dal servizio, su richiesta dell’amministrazione comunale alla ditta appaltatrice (la Marche Global Service, ndr). Come sempre, però – puntualizza il sindaco –, non si può fare di tutta l’erba un fascio. L’eventuale condotta illecita di una persona, andrà perseguita, senza però mettere genericamente all’indice tutti i ragazzi e le ragazze che hanno fatto quel lavoro quest’estate. Chi ha sbagliato va sanzionato come previsto».
«Una vicenda triste e disgustosa – il commento di Rubini – che al netto dei reati che saranno debitamente perseguiti dalle autorità, ci invita tutti a riflettere su una gestione della baia di Portonovo che sia il più possibile sostenibile, efficiente ed efficace. Perché il Covid-19 passerà, ma resta intatta la necessità di tutelare i nostri gioielli paesaggistici da soprusi legati ad una logica mercantilista che trasforma tutto in occasione di privatizzazione, profitto e clientelismo». L’app iBeach è operativa da giugno, così come il servizio di steward per controllare che l’accesso allo stradello sia permesso solo a chi ha la prenotazione, per evitare sovraffollamenti nelle spiagge libere. Ma qualcuno, stando ai primi riscontri, ha tentato di approfittare della situazione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA