Sparò alle ruote, uccise il ladro
Arriva la condanna-bis per il carabiniere

Sparò alle ruote, uccise
il ladro. Condanna-bis
per il carabiniere
di Lorenzo Sconocchini
ANCONA - La pena s’alleggerisce, ma resta la condanna per l’appuntato dei carabinieri che il primo febbraio del 2015 sparò alle gomme di un suv con una banda di ladri in fuga, nelle campagne di Ostra Vetere, e colpì di rimbalzo un giovane a bordo, ferendolo a morte. Anche per la Corte d’appello di Ancona Mirco Basconi, all’epoca in servizio alla stazione carabinieri di Ostra, tuttora nell’Arma, è colpevole del reato di omicidio colposo per eccesso colposo nell’utilizzo dell’arma di servizio. La pena però scende a 7 mesi e 10 giorni, rispetto all’anno inflitto in primo grado dal gup di Ancona Francesca Zagoreo con rito abbreviato. Resta anche la condanna dell’imputato, ieri presente in aula con la solita dignità, a risarcire (ma senza provvisionale) i familiari della vittima, un albanese di 24 anni, che chiedono un risarcimento di due milioni e mezzo di euro.

La difesa, avvocati Mario e Alessandro Scaloni, annuncia ricorso per Cassazione, ma per ora restano senz’altro valide le loro considerazioni amare espresse nei motivi d’appello discussi ieri: «Sarebbe stato senza dubbio più facile per il Basconi e i colleghi voltarsi dall’altra parte e restare inerti, ma ciò non è avvenuto per il profondo senso del dovere degli stessi». Il processo d’appello, svolto a porte chiuse perché viene da un giudizio abbreviato, si è tenuto sotto l’occhio vigile della polizia dopo che il legale di parte civile, l’avvocato campano Marco Serino, ha presentato alla procura di Santa Maria Capua Vetere una denuncia per minacce ricevute via social network già dopo la sentenza di primo grado. “Ti teniamo d’occhio, la pagherai”, “sei una minaccia per lo Stato”, è il tenore dei messaggi.

Ieri il sostituto procuratore generale Giovanni Gebbia aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado, condividendo le motivazioni con cui il gup aveva spiegato perché non andava riconosciuta a Basconi l’esimente dell’uso legittimo delle armi.

 

Il giudice di primo grado, aggrappandosi a pronunce della Cassazione, spiegava che i tutori dell’ordine possono sparare solo se la fuga «assume i connotati della resistenza attiva», come nel caso della «fuga con armi» e rimarcava che a Ostra Vetere nessuno aveva visto armi. «I banditi - ribatteva la difesa del sottufficiale - non vanno in giro con le pistole nella fondina come nel Far West, ma le nascondono bene per non farsi notare e per usarle all’occorrenza. Nella migliore delle ipotesi, tutti i ladri, anche i peggio organizzati, hanno cacciaviti, mazze, asce e coltelli come arnesi di lavoro». Quella sera i carabinieri, per la difesa di Basconi, si trovarono «in una situazione di assoluta necessità, quella di fermare i malviventi, tenuto conto del grave, persistente e attuale pericolo che essi rappresentavano per la collettività», visto che erano stati segnalati diversi furti nell’entroterra Senigalliese, tra Castelleone di Suasa e Ostra Vetere. Senza considerare che nelle ore dell’inseguimento «Ostra Vetere si trovava in fermento per la festa cittadina» e che il suv risultava rubato. Inoltre «al momento della partenza della Mercedes, i tre militari di pattuglia, ricordava la difesa, «hanno avvertito un forte botto, come un colpo d’arma da fuoco» e due di loro erano riusciti a evitare l’investimento «solo grazie al felino balzo all’indietro».

Fu in quelle condizioni che Basconi sparò: uno dei quattro colpi della sua pistola d’ordinanza - tutti diretti verso le ruote, accertò la perizia balistica - rimbalzò sull’asfalto e dopo aver perforato il vetro del suv in fuga colpì Korab Xheta, che morì dopo quattro giorni di agonia all’ospedale di Torrette. Anche per la Corte d’appello la condotta dell’appuntato configura il reato di omicidio colposo per un uso imprudente delle armi, anche se la pena, già sospesa con la condizionale, viene ridotta a 7 mesi e 10 giorni, probabilmente partendo da una base più bassa rispetto a quella del gup. 

Si vedrà tra 60 giorni, quando saranno rese pubbliche, quali sono le motivazioni della condanna-bis. Ma intanto rimane il pericolo che il verdetto sfavorevole all’appuntato possa innescare, come si segnala nei motivi d’appello, «meccanismi difensivi da parte delle forze dell’ordine, che rischiano condanne penali solo per aver fatto quanto di loro competenza». Sentenze del genere potrebbero alimentare tra agenti e carabinieri di pattuglia ragionamenti del tipo «i ladri lasciamoli pure andare con le loro super-car e noi non avremo problemi giudiziari». La sentenza di ieri, secondo i legali di Basconi, rafforza quel pericolo. «Come avvocati siamo delusi ed amareggiati, ma questo capita spesso - è l’unico commento rilasciato ieri dagli avvocati Mario e Alessandro Scaloni -. Come cittadini siamo preoccupati che con questa giurisprudenza le forze dell’ordine saranno sempre più deboli e timorose nell’adempimento dei loro doveri istituzionali. La Cassazione ragionerà diversamente».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Marzo 2018, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 23-03-2018 13:55

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO