Sorpresi a violare il coprifuoco, scatta la multa. Tolleranza zero anche con chi era alla guida ubriaco

Sorpresi a violare il coprifuoco, scatta la multa. Tolleranza zero anche con chi era alla guida ubriaco
Sorpresi a violare il coprifuoco, scatta la multa. Tolleranza zero anche con chi era alla guida ubriaco
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Febbraio 2021, 07:35

ANCONA  - Denunce per guida in stato di ebbrezza, multe per la violazione del coprifuoco e per chi si è messo al volante senza la patente. È l’esito dei controlli eseguiti nel weekend dai carabinieri della Compagnia di Ancona. Chi è finito nei guai è stato un 45enne dorico fermato dai militari mentre procedeva in auto lungo la strada di Passo Varano.

LEGGI ANCHE:

Struscio record e scazzottate, allarme nel weekend "giallo". Folla al bar, blitz della polizia: chiuso per 5 giorni

Notando i sintomi dell’ebbrezza alcolica, i carabinieri hanno sottoposto il conducente all’etilometro: è emerso che nel sangue aveva un tasso alcolemico pari a 1,54 g/l. L’uomo è stato denunciato e il mezzo posto sotto sequestro. Ma c’è di più. Dai controlli approfonditi è emerso che al 45enne era stata revocata la patente di guida nel 2013, sette anni fa. Per questo, gli è stata notificata una multa del valore di 5mila euro. La stessa cifra la dovrà pagare un 20enne sorpreso al volante, in via Thaon de Revel, senza aver mai conseguito la patente. Si è rifiutato invece si sottoporsi all’alcoltest un 40enne originario del Camerun fermato attorno alle 3, nella notte tra sabato e domenica, sulla Flaminia. Il controllo si è verificato perché la vettura procedeva a zig zag.

Non solo il conducente dell’auto, una Fiat 600, è stato denunciato per il rifiuto di eseguire il test per rilevare la presenza di alcol nel sangue, ma dovrà anche pagare una multa del valore di 530 euro per aver violato il coprifuoco senza giustificato motivo. La stessa sanzione è stata notificata ad altri nove cittadini, sorpresi dai carabinieri (quasi tutti in auto) in giro per la città nelle ore notturne (22-5) senza reali motivi di necessità. Stando a quanto emerso, si tratta prevalentemente di persone controllate mentre stavano tornando a casa una volta conclusa la serata trascorsa con amici o fidanzata: «Non ho controllato l’ora, ho fatto tardi», la scusa più utilizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA