Si scola due bottiglie di superalcolici e sviene, finisce in coma etilico: i passanti pensavano che fosse morto

Martedì 5 Ottobre 2021 di Claudio Comirato
La Croce Gialla ha soccorso l'uomo ubriaco

ANCONA - Zuffe in strada, gente talmente sbronza da non reggersi in piedi, richieste di soccorso da diverse zone della città. Quello trascorso è stato un fine settimana segnato da risse abusi e alcolici, situazioni che hanno visto ripetutamente all’opera il personale e le ambulanze della Croce Gialla di Ancona. Oltre agli interventi effettuati nella notte di sabato, anche nel tardo pomeriggio di domenica la pubblica assistenza ha dovuto soccorrere persone prive di sensi a causa dell’alcool. 

 
L’intervento più complicato in via Giordano Bruno dove un trentenne originario del Bangladesh è stato soccorso in quanto letteralmente privo di sensi a causa di un abuso alcolico. Ad allertare il 112 numero unico dell’emergenza territoriale alcuni passanti che hanno notato il corpo dell’uomo steso in terra. Quando il personale della Croce Gialla di Ancona è intervenuto sul posto alcuni connazionali hanno riferito che l’uomo aveva trascorso il pomeriggio a bere al punto tale che era riuscito a scolarsi due bottiglie di super alcolici e come se non bastasse una birra.
Un mix che ha mandato l’asiatico nel mondo dei sogni. Una volta stabilizzate le condizioni di salute, l’uomo è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette. Il 30enne, praticamente in coma etilico, ha avuto immediato accesso alla sala emergenza dove è stato preso in cura dal personale medico. L’uomo è arrivato in ospedale in condizioni critiche poi con il passare delle ore il quadro clinico è notevolmente migliorato. All’ospedale di Torrette è finito anche un cittadino originario del Pakistan che alcune persone avevano notato barcollare in piazza Pertini nel centro di Ancona.
Malfermo sulle gambe, in uno stato quasi confusionale, l’uomo 30 anni circa all’arrivo dei soccorritori si è disteso sulla lettiga ed ha accettato di essere trasportato al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette. 

 

Ultimo aggiornamento: 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA