Ancona: seggiolini e cinture di sicurezza, sei multe. Sequestrato un bus romeno

Martedì 12 Novembre 2019
Seggiolini e cinture di sicurezza, sei multe. Sequestrato un bus romeno

ANCONA  - Sei multe per il mancato utilizzo di cinture di sicurezza o seggiolini per bambini. Le hanno elevate gli agenti della polizia stradale ai caselli autostradali di Ancona Sud e Senigallia per verificare il rispetto di una normativa fondamentale per la sicurezza stradale. Se si pensa che le auto controllate sono state una cinquatina si comprende come il numero di chi non rispetta le regole è ancora elevato.

Direttissima del Conero sott’occhio: è in arrivo un nuovo autovelox

Senigallia, troppo distratti e sballati alla guida: un incidente al giorno

Proprio per stroncare questo fenomeno, la polizia stradale, nell’ambito della operazione coordinata a livello europeo Tispol – Seatbelt, ha impegnato quattro equipaggi della Sezione e del Distaccamento di Senigallia. I controlli hanno evidenziato che, in particolare, i bambini e passeggeri dsono più esposti al rischio. Rendendo noto il bilancio dell’operazione, la polizia stradale ricorda il dato emerso da un’indagine demoscopica realizzata dalla Fondazione Ania in collaborazione con Ipsos che attesta su base nazionale a circa il 20% la percentuale di mancata osservanza dell’obbligo di allacciare le cinture di sicurezza e di assicurare i bambini agli appositi prescritti seggiolini.

Il dato per i centri urbani sarebbe ancora più alto, nonostante secondo le elaborazioni statistiche Aci Istat relative al 2018. è proprio in ambito urbano che si registra il 73,6% degli incidenti che causa il 46% dei decessi e il 71,3% dei feriti totali. I controlli sono stati estesi altresì ai grandi veicoli adibiti al trasporto di persone e in tale ambito è stato sanzionato il conducente di un autobus adibito a trasporto abusivo di linea verso la Romania privo delle autorizzazioni. Il conducente è stato multato per mille euro e il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo e non potrà più circolare per almeno tre mesi.

L’operazione coordinata a livello europeo ha permesso di accertare complessivamente 30 infrazioni per il mancato uso dei sistemi di ritenuta. Proseguiranno come di consueto i controlli dedicati a particolari settori della sicurezza stradale e categorie di violazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA