Ancona, lo scippatore del rione Adriatico fa paura. Agguato bis, ha derubato un'altra nonnina

Lunedì 13 Gennaio 2020
Sugli scippi indaga la polizia

ANCONA - Lo scippatore del rione Adriatico è tornato a colpire. Ha derubato un’altra nonnina, portandole via la borsa con dentro soldi e documenti personali. È il secondo episodio dopo quello accaduto il 30 dicembre, sempre nelle vie del quartiere più “in” del capoluogo. Nel mirino ci sono anziane indifese che vengono sorprese alle spalle dal malvivente, senza possibilità di opporre resistenza.  Su questi episodi ravvicinati indaga la polizia con gli 007 della Squadra Mobile che stanno raccogliendo testimonianze e analizzando le immagini della videosorveglianza. Ma al momento lo scippatore seriale resta libero e impunito, anche perché di lui non c’è un identikit preciso: proprio perché le vittime vengono aggredite da dietro e l’azione criminale si sviluppa in pochi secondi, nessuno è riuscito fin qui a vederlo in faccia, senza considerare che i blitz sono avvenuti nel tardo pomeriggio, quando era già buio. L’ultimo scippo è stato consumato martedì scorso, alle 18, in via Rismondo. Un’ottantenne stava passeggiando verso casa quando è stata avvicinata alle spalle da un losco individuo che non le ha lasciato nemmeno il tempo di rendersi conto di ciò che stava accadendo: in pochi istanti le ha sfilato la borsetta ed è scappato di corsa. Dentro c’erano portafogli, soldi (30 euro), documenti, effetti personali. Addio al denaro, la borsa è stata ritrovata. Assistita da alcuni passanti, l’anziana ha contattato la polizia, intervenuta con le Volanti. Il caso poi è passato alla Squadra Mobile che indaga anche sull’altro scippo avvenuto in una domenica di fine dicembre. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA