Ancona, pugni in piazza e baby ladri
Carezze all'anziano, gli sfila la collana

Controlli dei carabinieri alla Fiera di San Ciriaco
Controlli dei carabinieri alla Fiera di San Ciriaco
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Maggio 2015, 20:28 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 20:34

ANCONA - Pugni, furti, scippi, un anziano derubato di collana e braccialetto in oro e come se non bastasse un mare di venditori abusivi.

Ecco quello che è accaduto alla tradizionale Fiera di San Ciriaco. Attorno alle 11 un ambulante proveniente dalla provincia di Firenze ha chiesto aiuto a due agenti della Questura impegnati nel controllo a piedi del territorio. L'uomo ha raccontato ai poliziotti di aver subito una serie di furti, in modo particolare di cover dei cellulari. Ad agire, in più di una circostanza, è una banda di ragazzini, racconta lo stesso commerciante: "Si mettono davanti al bancone, fanno tanta confusione e la merce sparisce. Ieri sera ad avvertirmi di quello che stava accadendo è stato un venditore abusivo, che però non ha fatto in tempo a bloccare questi ragazzini. Quando sono tornato al banco, un braccio intero di un espositore era stato ripulito. Sono sparite nel nulla venti cover. A distanza di qualche ora questi ragazzi sono tornati a colpire".

Peggio è andata ad un uomo di circa 70 anni residente a Falconara, che è stato avvicinato da una ragazza piuttosto prosperosa nei pressi di una panchina del Viale, dove l'anziano si era fermato per riposarsi. Con la scusa di una carezza ad una mano e di una parola sussurrata all'orecchio, l'uomo è tornato a casa privo di un bracciale che portava al polso e di una collana al collo. L'unica consolazione un amuleto a forma di corno che la donna gli avrebbe regalato.

Lungo il viale della Vittoria, sempre nella giornata di ieri, è stato segnalato un uomo piuttosto robusto dall'andatura incerta, secondo alcuni responsabile dei borseggi avvenuti tra le bancarelle. Segnalazione girata alle forze dell'ordine. In servizio oltre alla polizia di Stato e alla Municipale, anche i carabinieri, soprattutto in borghese, proprio per prevenire i borseggi che anche oggi non sono mancati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA