Bottigliata in faccia e testa sbattuta nel palo: doppia rissa choc al Piano

Bottigliata in faccia e testa sbattuta nel palo: doppia rissa choc al Piano
Bottigliata in faccia e testa sbattuta nel palo: doppia rissa choc al Piano
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Luglio 2022, 04:00

ANCONA - Al Piano continua a suonare l’allarme rosso: l’ultimo doppio brivido è stato provocato da due liti. La prima verso le 19,30 di lunedì, nelle vicinanze di un negozio di via Giordano Bruno. Stando a quanto è stato possibile ricostruire, il barista avrebbe spintonato un cliente fino a fargli sbattere la testa contro un palo della pubblica illuminazione. 

I futili motivi 

La lite tra i due uomini, entrambi del Bangladesh, sarebbe scoppiata all’interno del negozio per cause legate a una somma di denaro che non era stata restituita. In pochi istanti dalle parole si è passati ai fatti, il proprietario del negozio ha iniziato a spintonare il connazionale di 23 anni. Spinta dopo spinta, si è arrivati in strada fino a che il 23enne non è finito con la testa contro un palo della luce. Un impatto piuttosto violento, il giovane ha iniziato a perdere sangue dal capo. In pochi istanti, prima che la situazione degenerasse, in via Giordano Bruno è intervenuta una Volante della Questura di Ancona. Arrivati i poliziotti, la situazione è tornata sotto controllo. I due bengalesi sono stati identificati, per il giovane è stato necessario il trasporto in ospedale. Sul posto è intervenuto un mezzo della Croce Gialla di Ancona che ha accompagnato il ragazzo al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette. Dopo qualche ora è stato dimesso. Qualche ora più tardi, verso le 23,30 in piazza D’Armi un anconetano di 42 anni è stato colpito in pieno volto da una bottigliata rimediando una brutta lacerazione all’orecchio. 

In pochi istanti l’uomo ha iniziato a perdere sangue. Lanciato l’allarme in piena notte, sul posto è intervenuto un mezzo della Croce Gialla di Ancona. Il ferito, ridotto ad una maschera di sangue, è stato trasportato al pronto soccorso di Torrette dove gli sono stati applicati alcuni punti di sutura in una zona particolarmente delicata come è l’orecchio. Sul posto si è portata anche una Volante della questura . I poliziotti hanno identificato il 42enne ferito e altre persone presenti, sue amiche, e note agli agenti in quanto pluripregiudicate. Dagli accertamenti è emerso che poco prima c’era stata una lite per futili motivi tra il 42enne e un altro uomo che poi si era allontanato. Il ferito ha annunciato che sarebbe andato a sporgere denuncia in questura. 
E sempre la Croce Gialla è dovuta intervenire al parcheggio del cimitero per un 30enne stordito dall’alcol. In stato confusionale, il giovane di origini italiane non è stato in grado di raccontare ai soccorritori come sia arrivato in zona. Le sue condizioni di salute non destano nessuna preoccupazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA