Ancona, raid nella villetta: i ladri
in fuga con i gioielli ed una pistola

Martedì 8 Ottobre 2019 di Stefano Rispoli

ANCONA - Un buco alla finestra, mentre i proprietari cenavano, e in una manciata di minuti dalla villetta è sparito tutto: gioielli, orologi, medaglie e una pistola carica con una scatola di proiettili. Quanto basta per vivere col terrore, all’idea che in città giri una banda armata in cerca di appartamenti da saccheggiare. Quest’anno i ladri non hanno aspettato l’ora solare che, generalmente, rappresenta il punto di svolta negativo per la sicurezza del capoluogo grazie alle giornate che si accorciano e al buio che cala prima.

Raid dei ladri nella case e nei garage: spariscono gioielli e bici

Hanno giocato d’anticipo, squarciando la pace di una tranquilla domenica sera. E adesso a Montacuto, frazione ripetutamente assediata dai ladri, la paura si tocca con mano dopo il blitz a casa di un ex poliziotto in pensione e della moglie. «Correte, mi hanno portato via tutto» gridava in lacrime la donna, comprensibilmente agitata, mentre avvertiva i carabinieri. Sul posto sono intervenuti, attorno alle 21, i militari del Nucleo Radiomobile e della stazione del Poggio per il sopralluogo. Era disperata la settantenne: da un antico comò le hanno rubato gioielli per circa 15mila euro. I banditi hanno avuto il tempo di selezionare quanto di più prezioso, rinunciando agli articoli di bigiotteria: si sono intascati anelli, collier, bracciali, orecchini, perfino delle medaglie e i ricordi di una vita. 
 
Ma quello che più spaventa è che adesso girano impuniti e armati: si sono infatti impossessati di una pistola che l’ex poliziotto custodiva in un cassetto, insieme a una scatola contenente 45 proiettili. Sliding doors da brivido: cosa sarebbe successo se i proprietari si fossero accorti subito della sgradita presenza in casa? Ripensandoci, è andata bene così. I malviventi non hanno fatto il minimo rumore: neanche il cane si è accorto di nulla. Hanno scavalcato un muretto, hanno attraversato il giardino e poi, come trampolieri, si sono arrampicati fino al secondo piano, saltando da un balcone all’altro, mentre marito e moglie stavano cenando nella taverna.
Hanno divelto una persiana e praticato un forellino sugli infissi della finestra, usando probabilmente un trapano a mano. Una volta entrati, sono andati dritti in camera da letto. Hanno aperto armadi e cassetti, arraffando l’oro e la pistola. Quindi se ne sono andati da dov’erano venuti. Durante la fuga, però, qualcosa è andato storto: il braccio metallico della veranda a cui si sono aggrappati ha ceduto. Il rumore ha messo in allarme i proprietari che sono subito saliti al piano di sopra e hanno trovato il caos. Affacciandosi alla finestra, hanno visto un uomo incappucciato correre a piedi, nel buio. Subito hanno avvertito le forze dell’ordine. Sul furto da paura indagano i carabinieri, con il reparto scientifico a caccia di impronte (sono rimaste delle orme sui balconi) e immagini della videosorveglianza della zona per risalire all’identità dei malviventi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA