Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Intasca 100mila euro di affitti dalle case popolari: tre anni all'ex dipendente Erap col vizio del gioco

Intasca 100mila euro di affitti dalle case popolari: due anni all'ex dipendente Erap col vizio del gioco
Intasca 100mila euro di affitti dalle case popolari: due anni all'ex dipendente Erap col vizio del gioco
di Federica Serfilippi
3 Minuti di Lettura
Martedì 18 Gennaio 2022, 07:10

ANCONA - In poco più di un anno avrebbe intascato attorno ai 100mila euro, soldi derivati dalle mensilità di affitto e dalla registrazione dei contratti per le case popolari. Se li sarebbe tenuti per sé, anziché versarli nelle casse dell’Erap, ente per cui lavorava. Dopo aver saldato il conto con la giustizia erariale nel 2017, l’ex dipendente, un 58enne originario di Milano, ieri mattina ha concluso in primo grado anche l’iter penale.

Il gup Francesca De Palma ha infatti condannato l’uomo a scontare tre anni di reclusione per i reati di peculato e falso ideologico. Assolto perché il fatto non sussiste dall’accusa di accesso abusivo al sistema informatico dell’Erap. 

La sentenza è stata emessa dopo la decisione della difesa, rappresentata dagli avvocati Eleonora Tagliabue e Francesco Nucera, di procedere con il rito abbreviato. A seguito del procedimento, l’imputato è stato licenziato dall’Erap. A spingerlo verso l’illecito contestato sarebbe stato il vizio del gioco. A far partire tutto, nel 2016, sono state le richieste di morosità che arrivavano ai cittadini da parte dell’Erap e che si sono poi rivolti all’ente dimostrando, almeno quello credevano, di aver pagato i canoni degli affitti versati tra maggio 2014 e luglio 2015. In teoria, i beneficiari degli alloggi popolari dovevano pagare il canone versando una cifra tramite bollettino postale. Stando alla procura, l’ex dipendente, invece, con la scusa di far risparmiare tempo agli inquilini avrebbe mandato i suoi più stretti collaboratori, del tutto estranei ai fatti contestati dalla procura, a ritirare le somme dovute direttamente negli appartamenti sotto controllo dell’Erap. 
Una volta versata la quota, l’inquilino riceveva un pezzo di carta che veniva presentato come una sorta di pro forma di ricevuta. In quel modo, i soldi sarebbero transitati non sul conto dell’ente, ma direttamente nelle mani del 58enne. Quest’ultimo, che aveva ammesso i fatti contestati, è già stato condannato dalla Corte dei Conti nel 2017 a versare nelle casse erariali 115 mila euro, somma derivata dai bluff contestati e dai danni arrecati all’Erap. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA