Maxi multa e sospensione per il ristorante a Portonovo: «Piccole irregolarità, sistemiamo tutto»

Maxi multa e sospensione per il ristorante a Portonovo: «Piccole irregolarità, sistemiamo tutto»
Maxi multa e sospensione per il ristorante a Portonovo: «Piccole irregolarità, sistemiamo tutto»
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Domenica 4 Settembre 2022, 03:00 - Ultimo aggiornamento: 08:22

ANCONA - La mancanza del piano di emergenza e di evacuazione costa la sospensione a un noto ristorante di Portonovo. Stop che non è ancora scattato perché l’Ispettorato del lavoro ha concesso una deroga fino a domani per salvaguardare l’attività del weekend ed evitare che i prodotti ittici, facilmente deperibili, debbano essere buttati. 

Le contestazioni 

In questo modo è stato scongiurato un danno economico considerevole ai titolari dell’esercizio commerciale. Il controllo congiunto delle forze dell’ordine è scattato venerdì da parte della Squadra Amministrativa della questura dorica insieme agli agenti dell’Ufficio Commercio della Polizia locale e all’Ispettorato del Lavoro. Al setaccio sono stati passati diversi stabilimenti balneari della baia. Tra questi, uno dei più celebri ristoranti è risultato sprovvisto del piano di emergenza ed evacuazione previsto dalla legge che, al pari del Dvr (il Documento di Valutazione dei Rischi) è obbligatorio per garantire la sicurezza del personale dipendenti e dei clienti, in caso di pericolo. L’attività degli ispettori del lavoro ha riguardato anche la posizione dei 24 dipendenti, per i quali è stata chiesta una copiosa documentazione: dagli accertamenti, comunque, sono risultati tutti in regola dal punto di vista contrattuale. 

L’ispezione 

Nessun problema neppure dal punto di vista del rispetto delle condizioni igienico-sanitarie. L’unico difetto riscontrato è la mancanza del piano di emergenza e di evacuazione: per questo motivo ai titolari del ristorante è stata comminata una sanzione da 2.500 euro, con tanto di provvedimento di sospensione dell’attività, fino a quando non verranno ripristinate le condizioni di sicurezza o non verrà presentato il documento mancante. I titolari si sono subito giustificati e hanno spiegato che il piano di sicurezza c’è, ma è custodito dal loro commercialista di fiducia. 

La difesa

«Ci sono stati dei controlli nei quali ci sono state contestate delle piccole irregolarità che saranno sistemate a breve dal nostro tecnico - spiegano i titolari del ristorante -. Siamo tranquilli rispetto al piano di sicurezza perché siamo in regola, così come siamo a posto con tutti i dipendenti». La sospensione non è scattata nell’immediato per non arrecare un danno economico all’attività, che si basa sulla somministrazione di pesce fresco che, altrimenti, sarebbe andato sprecato. Ma se entro domani i titolari non presenteranno la documentazione richiesta all’Ispettorato del lavoro o, in alternativa, non pagheranno la sanzione da 2.500 euro, il ristorante verrà chiuso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA